menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lecco, gli interscambi con l'estero (Germania in testa) valgono quasi quattro miliardi di euro

Dati in netto miglioramento rispetto allo stesso periodo di un anno fa. L'elborazione a cura della Camera di Commercio

3,8 miliardi di euro: questo il valore dell’interscambio con l’estero della provincia di Lecco, +2,5% rispetto allo stesso periodo del 2017, secondo un’elaborazione di Camera di Commercio di Lecco, che mostra un sistema produttivo locale in crescita. Le esportazioni provinciali valgono 2,3 miliardi di euro e le importazioni 1,5 miliardi.

Per quanto riguarda l’export, nel primo semestre 2018 resta particolarmente significativo il contributo all’export lecchese del settore metalmeccanico: prodotti in metallo (37% del totale) e macchinari (24,5%). Seguono i prodotti tessili  col il 6,3%, l’alimentare con il 5,2%; i mezzi di trasporto con il 4,9% e la chimica-gomma con il 3,8%.

Mattinzoli parla all'economia lecchese: «Priorità la connessione con l'aeroporto di Orio al Serio» 

Anche per l’import, il metalmeccanico è il settore principale: i prodotti in metallo raggiungono il 41,6% del totale; i macchinari il 13,8%. Seguono chimica e gomma con il 10,3%, il legno-carta con l’8,3%, e i prodotti tessili con il 4,7%.

Il mercato di sbocco principale del “Made in Lecco” è tuttora quello dell’Unione Europea in cui vanno il 69% delle esportazioni, e registra un crescita del 6%; in aumento anche l'export verso l'Europa non UE, con una crescita del 17,5%, e quello verso l'America del nord e l'America del centro-sud, con aumenti del 5,9% e del 10,2%. In calo l’export verso Oceania (-31,6%), Africa (-17,8%) e Asia (-9,1%).

Aziende più competitive? Confartigianato imprese Lecco spiega come fare 

La Germania si conferma il primo paese destinatario dell’export lecchese, con ben 575,6 milioni di euro, il 24,5% del totale (575,6 milioni di euro), seguita a distanza dalla Francia con oltre con 11,1%, dagli Stati Uniti con il 5,6%, dal Regno Unito con il 4,5%, e dalla Spagna con il 4,2%. Questi primi 5 mercati sono destinatari di oltre il 70% delle esportazioni provinciali complessive.

La maggior parte delle importazioni proviene dai mercati europei, l’83% del totale, di cui il 75,5% dall’Unione Europea, con una crescita del 3,5%; cresce anche il valore dei prodotti importati dall'America Settentrionale, +37,6%.

I principali paesi da cui Lecco importa merci sono la Germania con il 26,1% dell’import totale, per un valore di 387,6 milioni di euro, la Francia e la Spagna, entrambe con l’8,3%, la Cina con il 7%, e il Regno Unito con il 6,1%.

«Aperture degli esercizi commerciali nei festivi, serve una riforma radicale»

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento