Lunedì, 17 Maggio 2021
Economia Piazza Armando Diaz

Lecco, nel 2015 calano le tariffe sull'immondizia

Il miglioramento della raccolta differenziata fa scendere i costi dei "sacchi viola" e del vetro

Nel 2015 saranno più bassi i costi della spazzatura lecchese: a renderlo noto è il Comune di Lecco, che spiega il calo delle tariffe con il miglioramento della raccolta differenziata e del recupero di maggiori quantità di materiale riciclabile.

E proprio i "sacchi viola", quelli che contengono i rifiuti secchi e riciclabili, costeranno meno: la tariffa passerà da 74 a 70 euro a per tonnellata e andrà ad affiancarsi a quella del vetro, che cala da 2 euro e mezzo a 2 euro pro capite.

«La diminuzione – spiega l’assessore all’ambiente Vittorio Campione trova ragione nella politica della società che gestisce il servizio, una politica che promuove la differenziazione e il recupero, contro lo smaltimento indifferenziato dei rifiuti e dunque una scelta che incontra le aspettative dell’Ente. A questo proposito, l’adesione del Comune di Lecco ad un servizio di raccolta porta a porta, che consente una maggiore qualità della frazione ha comportato la successiva adesione di numerosi altri comuni, con un conseguente miglioramento generalizzato, che non potrà che portare benefici in termini di recupero e dunque, in definitiva, anche di costi».

L’assessore all’ambiente esprime apprezzamento nei confronti di una strategia che incentiva la raccolta differenziata premiando, di fatto, i comuni che maggiormente si distinguono in questo senso e specifica: «Il mio ringraziamento va ai cittadini lecchesi, grazie alla cui attenzione il Comune di Lecco ha raggiunto il 60% in termini di raccolta differenziata. Un importante traguardo, ma anche un nuovo punto di partenza per il bene della città, del suo territorio e dei suoi abitanti».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lecco, nel 2015 calano le tariffe sull'immondizia

LeccoToday è in caricamento