La Cgil: «Bonifica della ex area Leuci al più presto»

«Prima tutelare la salute dei residenti, quindi spiegare il fallimento della Lago e valutare la possibilità di concedere l'insediamento di altre aziende o di start up»

«Auspichiamo che la bonifica alla ex area Leuci sia effettuata il prima possibile». A chiederlo è la Filctem Cgil Lecco per via dell'ennesimo stop dei lavori nello stabilimento di via XI Febbraio che servono per eliminare l'amianto presente. Secondo dati rilasciati dal Gruppo Aiuto Mesotelioma lo scorso marzo, l'area in cui fino a pochi anni fa venivano costruite lampadine è composta da 6.830 metri quadri di coperture in cemento amianto e 1.250 metri lineari di amianto friabile. E ora che la Lago Srl, proprietaria della Leuci, è stata dichiarata fallita, il completamento della bonifica pare sempre più lontano.

Area ex Leuci, fallita l'azienda titolare: rallentano le operazioni di bonifica?

«Da quando l’attività è cessata, ovvero dal gennaio 2014, abbiamo sempre chiesto che la zona rimanesse industriale, come da destinazione nel Pgt comunale - afferma Nicola Cesana, segretario generale Filctem Cgil Lecco - ma la proprietà non è mai stata disponibile a valutare la possibilità di concedere l'insediamento di altre aziende o di start up. Stiamo attendendo da mesi che venga completata la bonifica dell'area, ma non se ne vede la fine».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Vogliamo maggiori lumi sul fallimento della Lago»

La categoria sindacale che segue i lavoratori dei settori chimico, tessile ed elettrico vuole capire meglio la situazione. «Innanzitutto vogliamo maggiori lumi sul fallimento della Lago vista l'importanza che l’azienda ha sempre avuto per la città - prosegue Cesana - Poi, cosa non secondaria, chiediamo che l'impegno a proseguire la bonifica venga mantenuto e che sia concluso il prima possibile, perché venga tutelata la salute di tutti coloro che risiedono e lavorano nell'isolato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Valmadrera, tragedia sul Sentiero delle Vasche: ritrovato un corpo senza vita

  • Mandello piange Marco Maggioni, scomparso a 55 anni

  • Valmadrera: i Legnanesi danno spettacolo in via Casnedi. Presenti cinquecento persone

  • Orrido di Bellano, si riapre: sabato 11 torna visitabile il percorso originale

  • Triplo intervento dell'elisoccorso a Moggio, Mandello del Lario e sulla Grigna Settentrionale

  • Ragazzi senza patentino scappano dopo l'incidente: oltre 5.000 euro di multa

Torna su
LeccoToday è in caricamento