Husqvarna licenzia, Straniero: «Decisione deprecabile, servivano altre strade»

Il consigliere regionale del Pd sulla chiusura definitiva dello stabilimento di Valmadrera: «Appoggio Piazza, se vi fosse un'ultima possibilità non dovrebbe essere lasciata intentata»

Lo stabilimento di Husqvarna a Valmadrera

«Esprimo il mio più profondo rammarico perché tecnicamente non è stato possibile ricorrere alla cassa integrazione legata all'emergenza Covid, ma la decisione dell'azienda di ricorrere ai licenziamenti è comunque deprecabile a prescindere».

Così Raffaele Straniero, consigliere regionale del Pd, commenta la notizia che lo stabilimento Husqvarna di Valmadrera non aprirà più i battenti.

Annunciati esuberi a Husqvarna, Piazza chiede audizione in Commissione lavoro

«Purtroppo pare proprio si siano chiusi gli ultimi spiragli per soluzioni favorevoli per i lavoratori - spiega - Nonostante ciò ritengo di appoggiare la richiesta di audizione in Commissione Attività produttive del consiglio regionale fatta dal collega Mauro Piazza. Se vi fosse anche solo un'ultima possibilità non dovrebbe essere lasciata intentata - continua Straniero - Certo, sarebbe stato importante prendere tempo per trovare eventuali nuovi investitori o soluzioni alternative per i lavoratori. Invece, si è preferito chiudere tutto, senza appello. Una scelta negativa per un intero territorio», conclude il consigliere Pd.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Emergenza Covid: a San Girolamo chiese chiuse e Padri Somaschi in quarantena

  • Oggi a Villa San Carlo i funerali Ugo Gilardi, «Un ragazzo d'oro»

  • Le regole per Natale 2020: cosa succede con gli spostamenti tra regioni, il coprifuoco e il cenone

  • Controlli anticovid nel Lecchese: due esercizi lecchesi vengono chiusi, nove i cittadini sanzionati

Torna su
LeccoToday è in caricamento