Maggi Group, il piano concordatario verrà modificato: salvi i Tfr dei lavoratori

I vertici dell'azienda hanno assunto l'impegno dopo l'incontro con Confindustria e sindacati. Chiesta al giudice una proroga di 45 giorni per il riposizionamento di tutti i crediti dei lavoratori al 100%

Il piano concordatario alla Maggi Group sarà modificato. È l'impegno assunto dai vertici dell'azienda metalmeccanica di Olginate nell'incontro avvenuto martedì pomeriggio negli uffici di Confindustria a Lecco. Al tavolo, insieme ai dirigenti della società (con i loro avvocati e consulenti legali), c'erano anche i sindacalisti di Fiom Cgil, Fim Cisl, Uilm Uil.

Maggi Catene: sospeso lo sciopero dei lavoratori

«Siamo riusciti a dare continuità a un percorso che verbalmente avevamo già condiviso con l'azienda e che porterà alla modifica del piano concordatario - spiega il segretario generale della Fiom Cgil Lecco Maurizio Oreggia che sta seguendo la situazione dei 53 lavoratori insieme alla funzionaria Elena Rossi - I rappresentanti della Maggi hanno comunicato che già domani procederanno con la richiesta di proroga di 45 giorni al giudice, così da ottenere anche un rinvio dell'adunanza dei creditori. È molto importante, perché così si potranno apportare integrazioni al piano concordatario che abbiano come obiettivo il riposizionamento di tutti i crediti dei lavoratori al 100%, oltre a un piano complessivo che sia ancora più credibile rispetto a quello presentato prima. Anche nella relazione del commissario, infatti, non emergeva una valutazione positiva». Per questo l’azienda è interessata a rivedere il documento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Apporto di liquidità da parte di uno dei soci»

«Le integrazioni da inserire comunicateci dall'azienda - prosegue Oreggia - riguardano l'apporto di finanza esterna da parte di uno dei soci, che ha dato disponibilità a garantire liquidità che andrà a onorare tutta la parte che mancava per coprire i crediti dei lavoratori. Ulteriori risorse potranno derivare dalla vendita di alcuni immobili».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orrido di Bellano, si riapre: sabato 11 torna visitabile il percorso originale

  • Valmadrera: i Legnanesi danno spettacolo in via Casnedi. Presenti cinquecento persone

  • Triplo intervento dell'elisoccorso a Moggio, Mandello del Lario e sulla Grigna Settentrionale

  • Lecco, niente più mascherina all'aperto se si rispetta la distanza di sicurezza

  • Santo Stefano: rissa in via Trento, intervengono carabinieri e soccorritori

  • Paura a Colico: elicottero si ribalta su un fianco durante atterraggio d'emergenza

Torna su
LeccoToday è in caricamento