Maggi Catene: la proprietà dà garanzie sul Tfr, i dipendenti interrompono lo sciopero

Vertice tra i sindacati e la direzione dell'azienda in Confindustria: «Ottenuto l'impegno a modificare il piano concorsuale». Il 26 marzo incontro alla presenza di avvocati e tecnici

I lavoratori della Maggi Catene con i rappresentanti sindacali fuori da Confindustria

La questione Maggi Catene finisce sul tavolo di Confindustria. L'incontro tra Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm Uil, con i vertici dell'azienda di Olginate e le Rsu, si è svolto questa mattina nella sede dell'associazione in Via Caprera. Per i metalmeccanici della Cgil hanno partecipato il segretario generale Maurizio Oreggia e la sindacalista Elena Rossi, per la Fim Cisl Monza Brianza Lecco Marco Oreggia e per la Uilm del Lario Enrico Azzaro.

All'ordine del giorno il rischio per i 53 lavoratori di perdere parte del Tfr destinato ai fondi pensionistici, così come attualmente previsto dal piano concorsuale. Rischio che i sindacalisti vogliono scongiurare.

Secondo giorno di sciopero alla Maggi Catene

«Siamo riusciti a far mettere per iscritto l'impegno dell'azienda per modificare il concordato a un tavolo istituzionale, qual è Confindustria Lecco Sondrio - afferma Maurizio Oreggia - Il prossimo 26 marzo è previsto un incontro specifico con la presenza dei consulenti aziendali, avvocati e tecnici, per un aggiornamento volto a verificare l'impegno assunto di modifica della classe dei crediti maturati dai lavoratori».

Di fatto, quel che si chiede all'azienda è di spostare tutti i crediti dei lavoratori dalla classe chirografa a quella privilegiata al 100%.

Necessità di nuova liquidità

I sindacalisti hanno rassicurato i dipendenti circa l'ufficialità dell'impegno preso dalla proprietà, specificando che, naturalmente, l'azienda dovrà cercare nuova liquidità per far fronte a tutte le spettanze. Non si esclude, a questo proposito, la futura vendita di un immobile, non contemplata nel piano originale; l'affitto di un forno che porterebbe entrate graduali negli anni, oppure l'accordo con un importante partner straniero.

«Se oggi abbiamo ottenuto queste garanzie - hanno dichiarato i sindacalisti ai lavoratori - è grazie alla vostra presenza. Per questo motivo crediamo che sia fondamentale riprendere subito, da venerdì, l'attività lavorativa». I dipendenti torneranno regolarmente alle loro mansioni dalla giornata di domani.

L'intervento di Maurizio Oreggia a fine incontro

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Transumanza da record a Lecco: atteso sabato il passaggio di 3.200 pecore

  • Il ricordo di Chiara in via Papa Giovanni: «Sarai sempre nei nostri cuori»

  • Allo stadio "Rigamonti-Ceppi" l'ultimo saluto alla giovane Chiara Papini. Ai domiciliari l'investitore

  • Transumanza a Lecco: il maxi gregge ha completato il suo viaggio verso la Valsassina

  • Scontro fra moto a Mandello, conseguenze gravi per tre persone

  • Settecento persone per l'ultimo saluto a Chiara al "Rigamonti-Ceppi": «Siete ragazzi speciali, ricordatelo»

Torna su
LeccoToday è in caricamento