menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno stralcio del lungolago di Malgrate inaugurato da pochi anni

Uno stralcio del lungolago di Malgrate inaugurato da pochi anni

Malgrate, bocciate le proposte dei commercianti: "Scelta incomprensibile"

Confcommercio protesta con l'amministrazione comunale: "Non era una privatizzazione"

Monta la protesta a Malgrate, comune in cui il Comune ha deciso di respingere le proposte per il completamento della ristrutturazione del lungolago avanzate da un gruppo di commercianti della zona e sostenute anche da Confcommercio Lecco. Dopo due riunioni tra Confcommercio Lecco, il sindaco di Malgrate Polano e i commercianti del lungolago, svoltesi il 4 e l'11 di aprile, l'Amministrazione comunale ha fatto sapere di non volere accogliere quanto proposto.

Il caldo dà alla testa: turista fa il bagno nudo a Malgrate

"E' una scelta incomprensibile - sottolinea il direttore di Confcommercio Lecco, Alberto Riva, presente a entrambi gli incontri -  Il progetto presentato voleva sostanzialmente offrire una gestione ordinata del lungolago. Una proposta articolata e soft, in cui commercianti si impegnavano a organizzare iniziative e a rendere vivo il lungolago anche di giorno. Un progetto che nasceva con l'obiettivo di assicurare un lungolago pulito, sicuro e attrattivo, capace di portare un turismo di qualità, a misura di famiglia. Il tutto partendo dalla necessità di dare un’immagine bella e organizzata di Malgrate e in un'ottica di collaborazione pubblico-privato. E nella certezza che un lungolago pulito e sicuro, con proposte di intrattenimento, eventi e cultura, avrebbe portato benefici alla cittadinanza intera oltre che vantaggi per le attività ricettive e di ristorazione presenti".

Aggiunge Riva: "L'idea era quella di offrire una collaborazione progettuale e concreta per trovare un compromesso virtuoso tra le diverse esigenze, evitando da un lato caos e degrado e dall'altro la "desertificazione" di un gioiello come il lungolago di Malgrate che deve potere essere accessibile e fruibile per tutti, in primis per le famiglie, ovviamente a determinate condizioni. I costi del progetto sarebbero stati a carico dei commercianti e nessuno aveva in mente certo una "privatizzazione" degli spazi pubblici: l'obiettivo era portare regole e farle rispettare, valorizzando gli spazi che ci sono ora. Se non si fa nulla il rischio invece è quello di un accesso "selvaggio" e incontrollato dell'area. In definitiva l'obiettivo era portare più qualità e più attrattività con ricadute positive per tutti: per il Comune, per i residenti, per le attività, per i turisti. Da parte nostra non possiamo che augurarci un ripensamento da parte della Amministrazione comunale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Attualità

Quando farò il vaccino? Il sito che calcola quanto dovrai aspettare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento