menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Rino Barbieri, presidente Fiva

Rino Barbieri, presidente Fiva

Merate, crisi nei consumi: gli ambulanti respingono l'idea di spostare il mercato

Il presidente Fiva, Rino Barbieri: "Non è certo spostando in periferia gli ambulanti che si risolvono i problemi del commercio meratese"

Continua a far discutere il calo dei consumi a Merate, che pare essere particolarmente forte anche paragonato alla sofferenza economica in cui versa l’intero Paese: qualcuno imputa parte della responsabilità agli ambulanti, chiedendo di spostare in altro luogo il mercato cittadino.

Il presidente della sezione territoriale di Fiva, la federazione degli ambulanti in seno a Confcommercio, respinge nettamente questa posizione: «La crisi la sentiamo tutti, ma che adesso si punti il dito contro il mercato mi pare assurdo - afferma Rino Barbieri - Non è certo spostando in periferia gli ambulanti che si risolvono i problemi del commercio meratese. Come federazione degli ambulanti ribadiamo che il mercato debba restare in centro, ma non solo: occorre rilanciarlo e riqualificarlo, occupando anche le vie che sono state di recente abbandonate grazie a scelte avventate e sbagliate da parte dell’Amministrazione comunale».

«Vorrei ricordare a tutti che piazza Prinetti è nata come piazza del mercato, come luogo centrale intorno a cui sono sorti i primi negozi di Merate - prosegue Barbieri - Lo dico non per nostalgia, ma per ricordare che c’è un legame forte anche in questa città tra ambulanti e negozi di vicinato. Spostare le bancarelle lontano dal centro vorrebbe dire far morire il mercato stesso, ma anche danneggiare gli esercizi commerciali locali. Non si risolvono i problemi del commercio con una “lotta” tra diverse categorie di operatori».

Ed è il rilancio del mercato, il tema che sta più a cuore al presidente degli ambulanti: «Merate dovrebbe prendere esempio da Oggiono, che ha tenuto il mercato in centro e oggi ha grandi risultati. Questa valorizzazione servirebbe anche a rilanciare la Fiera di Sant’Ambrogio, che invece è diventata sempre meno appetibile ed è andata via via morendo negli anni. Ma a beneficiarne sarebbe l’intera comunità meratese, in primis anche i negozi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento