Pacco bomba al capo degli industriali bresciani, Riva: «Minacce inaccettabili»

Il presidente di Confindustria Lecco e Sondrio, Lorenzo Riva, esprime solidarietà al collega e amico Giuseppe Pasini. «È un attacco al sistema produttivo italiano»

Lorenzo Riva, presidente di Confindustria Lecco

Un pacco bomba indirizzato a Giuseppe Pasini, patron del gruppo Feralpi e presidente di Aib, l'Associazione industriali bresciani che presto sarà Confindustria Brescia: gli sarebbe stato recapitato direttamente in azienda, al quartier generale di Lonato, in una “bustona” contenuta all'interno di un pacco di colore rosso.

La notizia su Brescia Today

L'episodio ha destato l'attenzione di Confindustria Lecco e Sondrio, con un sentito intervento del presidente Lorenzo Riva. «A nome di tutti gli associati a Confindustria Lecco e Sondrio e a quello mio personale esprimo la massima solidarietà e vicinanza al collega e amico Giuseppe Pasini, vittima di un gravissimo atto intimidatorio e di un nuovo, inaccettabile, attacco a un rappresentante del sistema produttivo italiano - sono le parole di Riva - Il clima di odio verso le imprese si sta traducendo in minacce personali ai colleghi, in episodi che riportano la memoria a uno dei periodi più bui della nostra storia e che sono una ferita anche per la parte sana, e certamente largamente prevalente, dell'intero Paese».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Industria: domanda, produzione e fatturato in calo del 10%

«Sono convinto che sia fondamentale sviluppare un dialogo aperto e costruttivo fra le forze economiche e sociali: è questo lo strumento attraverso il quale si può, e si deve, instaurare un clima diverso, portando gli autori di gesti così gravi all’isolamento - prosegue il numero uno di Confindustria Lecco e Sondrio - Non da ultimo, il dialogo e il superamento del sentimento anti-impresa sono anche la premessa necessaria perché il Paese possa uscire dal momento difficile che stiamo vivendo affrontando criticità, di carattere economico e sociale, che hanno origine lontana ma sono state amplificate dagli effetti generati dal diffondersi della pandemia a livello mondiale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viveva legata a un calorifero: le guardie ecozoofile salvano il pitbull Maya

  • Covid-19, nuova ordinanza regionale: nuove regole per bar e ristoranti, "stop" alle competizioni dilettantistiche da contatto

  • Il governatore Fontana firma l'ordinanza: stop a movida e allo sport dilettantistico

  • Covid-19, i numeri del "Manzoni": occupato l'ottanta per cento dei posti nei reparti ad-hoc. Piena la terapia intensiva

  • Auto sfonda il guard rail e precipita da uno dei tornanti della vecchia Lecco-Ballabio

  • Covid-19: tamponi in ospedale, code fuori dalla hall e attesa fino a più di due ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento