Business della neve: nel Lecchese ricavi per oltre un milione

Rimangono a distanza abissale le cifre registrate nel Comasco, dove si tocca quota tredici milioni

Le scuole da sci in Lombardia fanno da volano all'economia lombarda. Secondo i dati della Camera di Commercio Milano, Monza Brianza e Lodi, ammonta a oltre 267 milioni di euro il giro d'affari nel 2018 generato dalle imprese della ricettività, commercio e ristorazione attive nei Comuni montani della Lombardia dove sono presenti scuole di sci.

Sofia Goggia si allena sulle piste di Bobbio per il ritorno in Coppa del mondo 

Un milione di ricavi nel Lecchese

Per i Comuni comaschi (Asso e Bellagio) i ricavi sono attorno ai 13 milioni di euro e oltre 1 milione per la provincia di Lecco con scuole da sci (Barzio, Bellano, Introbio e Margno). Nel Comasco il primo Comune è Bellagio con 84 negozi, 30 attività di alloggio e 46 nella ristorazione. A Lecco sono Bellano e Barzio a contare più imprese del commercio, ricettività e alloggio (rispettivamente 64 e 50).

Bobbio e Artavaggio: a fine marzo gli under 16 sciano gratuitamente 

Cambiaghi: «Al lavoro per diffondere la pratica dello sport»

«Lo sci e, in generale, gli sport invernali - ha dichiarato l'assessore allo Sport e Giovani di Regione Lombardia Martina Cambiaghi - creano ricchezza e danno impulso allo sviluppo del territorio. Un indotto già positivo e destinato ad aumentare in vista della candidatura di Milano e Cortina per le Olimpiadi del 2026. È su questa scia che Regione Lombardia sta già lavorando per diffondere la pratica degli sport invernali con lo 'Skipasslombardia', tessera 'pay per use' valida in tutta la regione, che permette di evitare le code, sciare quanto si vuole e pagare, la sera, con addebito su carta di credito, esattamente per quanto sciato».

Impianti e scuole di sci in Lombardia

Sono 44 le società in tutta la regione che gestiscono 223 impianti funzionanti tra skilift, tappeti, seggiovie, telecabine e funivie. Chi scia in Lombardia può contare su 1000 chilometri di piste suddivise in 22 comprensori. Oltre alle aziende che lavorano direttamente grazie agli impianti di risalita, con un fatturato diretto annuo di 100 milioni e 1200 persone impiegate, va considerato l'intero comparto del sistema neve, in tutte le sue componenti che vanno dal settore ricettivo a quello ristorativo, dagli impianti alle scuole di sci, dai servizi di noleggio al commercio sino al divertimento. Le scuole di sci (alpino e nordico) e snowboard in Lombardia sono 68, i maestri di sci sono più di 2 mila così suddivisi: per lo sci alpino 1570, per lo snowboard 280 e per lo sci nordico (fondo) 150.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La calolziese Silvia protagonista di una delle più importanti fiere d'arte contemporanea d'Italia

  • Tragedia a Venezia. Imbarcazione si schianta: morto il recordman Buzzi, ferito Invernizzi

  • Valmadrera: si cerca Cesare Piras, visto l'ultima volta in città

  • Tragedia di Venezia: Nicolini è la seconda vittima lecchese. Invernizzi sotto osservazione

  • Addio al genio Fabio Buzzi: ha scritto la storia della motonautica

  • Tragedia a Casatenovo: muore al lavoro nell'azienda agricola

Torna su
LeccoToday è in caricamento