rotate-mobile
Economia Bosisio Parini

"Un nuovo dialogo tra aziende e sindacato per lo sviluppo" 

Il rapporto tra impresa e organizzazioni sindacali (con la ricerca di sinergie condivise) al centro dell’evento di consegna dei diplomi per il corso alle Rsu di Rodacciai

"Impresa e organizzazioni sindacali: sinergie per lo sviluppo". Questo il tema dell'incontro che si è tenuto ieri pomeriggio al Centro studi Istituto comprensivo Bosisio Parini, organizzato da Rodacciai insieme alla collaborazione di Intoo, società leader nei processi di transizione e sviluppo di carriera. I protagonisti sono stati i 12 dipendenti di Rodacciai che hanno concluso il corso “Relazioni industriali e comunicazione”, pensato per consentire loro di acquisire consapevolezza e competenze utili a dialogare con le aziende. Hanno ricevuto l’attestato: Agostino Bianco, Giovanni Caravello, Emilio Cocco, Valentina Conca, Davide Copes, Maurizio Ficuccio, Vanessa Fumagalli, Moussa Moutaouakil, Ruslan Pirgaru, Vincenzo Rifici, Diop Daouda Samb, Cristiano Scarpa. 

Mauro Califano: "Fondamentale trovare un terreno comune per un dialogo efficace"

In quest’occasione, però, è stato dato largo spazio anche a riflessioni sulle possibili opportunità e sviluppi a livello territoriale che possono nascere da un confronto di qualità tra i vari stakeholders. A tal proposito, Mauro Califano, HR Director Rodacciai, ha spiegato: «Il rapporto tra imprese e sindacati dovrebbe basarsi su un modello che abbia come obiettivo quello di ottenere risultati in favore dei lavoratori, i quali non sono altro che cittadini che a loro volta danno la possibilità alle aziende del territorio di svilupparsi e crescere, generando un vero e proprio circolo virtuoso. È fondamentale trovare un terreno comune, un linguaggio condiviso da cui può derivare una forma di dialogo efficace».

Tra i presenti Massimo Forbicini, Riccardo Saccone, Enrico Azzaro e Mauro Califano.

Su questa linea di pensiero si basa il corso di formazione attuato da Intoo, di cui era presente all’evento Alessandra Mitta, Key Account Manager: «Da oltre 30 anni accompagniamo le persone nei momenti di cambiamento della loro storia lavorativa, tanto più in una fase storica come questa, in cui i cambiamenti sono rapidissimi. L’obiettivo è che la persona rimanga employable, ovvero abbia sempre gli strumenti di consapevolezza del proprio ruolo ma anche cognizione dei possibili cambiamenti».

Massimo Forbicini, Senior Industrial Relations Advisor ha invece posto l’attenzione sul valore della comunicazione, tema ampiamente approfondito durante il corso: «Occorre che tutte le parti in causa evolvano nella consapevolezza che nelle relazioni industriali non esistono rapporti di forza ma solo rapporti intelligenti: sono ormai sorpassati gli ancoraggi ideologici, mentre l’ascolto costituisce il rimo passo del cambiamento reale, così come mettere al centro del dialogo i bisogni dei diversi interlocutori».

Un momento dell'incontro organizzato da Rodacciai.

Saccone e Azzaro: "Relazioni sindacali e preparazione sempre importanti"

All'incontro ha partecipato anche Riccardo Saccone, Segretario Nazionale Slc Cisl, il quale ha sottolineato come «le relazioni sindacali possano essere il motore di un territorio e sia importante recuperare il senso e l’importanza della rappresentatività in un momento storico in cui abbiamo davanti la grande sfida di provare a governare il cambiamento». Enrico Azzaro, funzionario UIL Milano e Lombardia, ha voluto a sua volta sottolineare: «Di qui ai prossimi 24 mesi vivremo cambiamenti velocissimi: i delegati devono essere preparati, la contrattazione va fatta da dentro, conoscendo a fondo le tematiche di cui si discute». Presenti anche Andrea Colombo, sindaco di Bosisio Parini e Carlo Malugani, consigliere delegato della Provincia di Lecco.

L'azienda conta un fatturato di 450 milioni di euro e 750 collaboratori

Fondata nel 1956 a Bosisio Parini nella Brianza lecchese, Rodacciai è una delle industrie metallurgiche più importanti d’Europa, con una produzione di circa 290.000 tonnellate l’anno in acciai automatici, legati e inossidabili, conta un fatturato di 450 milioni di euro e 750 collaboratori. La società fa parte del Gruppo Rodasteel, che include i plant Rodacciai di Bosisio Parini e Sirone in Italia, la società Olarra con l’acciaieria di Bilbao in Spagna e le 26 filiali distributive nel mondo. Per il secondo anno consecutivo Rodacciai ha conquistato il sigillo di qualità Top Job 2021.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Un nuovo dialogo tra aziende e sindacato per lo sviluppo" 

LeccoToday è in caricamento