menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A marzo decolla il progetto teleriscaldamento di SILEA SpA

Per la fine del mese di marzo sarà presentato ufficialmente il progetto preliminare per la realizzazione da parte di Silea del teleriscaldamento, che andrà ad interessare i comuni di Valmadrera, Malgrate, Civate.

La prima tappa del progetto teleriscaldamento di SILEA SpA è già stata calendarizzata per la fine del mese di marzo, quando sarà presentato ufficialmente il progetto preliminare per la realizzazione da parte della Società del teleriscaldamento, che andrà ad interessare i comuni di Valmadrera, Malgrate, Civate e buona parte di Lecco. Un progetto importante, verso il quale la società partecipata da tutti i comuni della provincia di Lecco (oltre a Lasnigo e Pusiano) sta indirizzando significativi impegni sotto il profilo delle risorse economiche aziendali.

“Siamo certi - sottolinea Mauro Colombo, amministratore unico di SILEA SpA, - che il teleriscaldamento segnerà un punto di svolta per la nostra Società, oltre a rappresentare un’opportunità dalle notevoli ricadute positive per il nostro territorio. E lo diciamo con chiarezza e senza incertezze, forti di dati oggettivi, nonostante vi sia chi lo mette in dubbio, demonizzando per partito preso tutto ciò che deriva dall’utilizzo di un termovalorizzatore“.

Colombo è fortemente convinto del valore  del progetto a cui Silea sta lavorando; un progetto reso possibile dalla recente autorizzazione concessa da parte della regione Lombardia a SILEA ad utilizzare il proprio termovalorizzatore al massimo carico termico: “Ritengo che non possiamo, come territorio, farci scappare questa occasione, per la quale abbiamo atteso anni. – continua Colombo – E voglio subito sgomberare il campo da ogni preoccupazione di tipo ambientale e di sicurezza della salute della popolazione. Il nostro termovalorizzatore è stato progettato e costruito proprio per poter lavorare al massimo carico termico. Costantemente vengono monitorati i valori delle emissioni di fumi e polveri nell’aria, disponibili sul nostro sito, e sono ben al di sotto dei limiti di legge. I severi controlli a cui i nostri impianti sono sottoposti costituiscono un’ulteriore garanzia. L’attenzione all’ambiente e alla salute dei cittadini è del resto al primo posto nella policy aziendale”.

Ma quali sono, nel concreto, i benefici del teleriscaldamento? “Sono davvero numerosi. In termini ambientali vi è un miglioramento della qualità complessiva dell’aria nell’area di influenza dell’impianto, oltre ad una riduzione delle emissioni dovute allo spegnimento delle caldaie a combustione tradizionale. Cresce anche il livello complessivo di sicurezza, dovuto all’eliminazione dei rischi connessi all’attività delle caldaie: dall’incendio alla intossicazione da monossido di carbonio. Infine vi è un incremento dell’efficienza energetica del nostro impianto che, grazie al teleriscaldamento, può raggiungere un indice di efficienza superiore ai parametri indicati dalla Commissione europea”.

E a livello economico? “Anche in questo caso i vantaggi sono concreti e riguardano direttamente i cittadini. In primo luogo si eliminano per gli utenti tutti quei costi legati alla manutenzione periodica delle caldaie tradizionali, vengono realizzate presso le utenze i nuovi scambiatori (senza alcun costo per il cittadino). Inoltre in media una famiglia risparmia circa il 15% rispetto al costo per la fornitura di riscaldamento fornito da impianti alimentati a gas naturale. Senza contare che, in base ai dati di mercato, le abitazioni servite da teleriscaldamento hanno beneficiato di un’importante rivalutazione in termini economici”.

Ma non vi sono rischi nella disponibilità di calore da erogare? “Assolutamente no. La disponibilità presso il nostro impianto di due linee con potenzialità equivalenti e con ciclo termico indipendente garantisce una quantità costante di calore necessario a servire le utenze. Inoltre realizzeremo presso la centrale di scambio termico, caldaie a gas di integrazione e riserva, che entreranno in funzione in caso di contemporanea fermata di tutte e due le linee di incenerimento”.

La critica che vi vien mossa è che, però, tutto questo si realizzerà con grandi investimenti e bruciando più rifiuti. “Una critica miope, che non tiene conto né dei benefici già descritti, né delle garanzie già esposte. E poi vi sono due ulteriori considerazioni di base che vanno fatte. In primo luogo l’utilizzo del termovalorizzatore non è alternativo all’attività di raccolta differenziata, ma complementare ad essa. In questi anni ci siamo impegnati per sensibilizzare la popolazione a differenziare i rifiuti prodotti e, con i nostri impianti di Annone Brianza per il compostaggio e di Verderio, gestito dalla nostra controllata Seruso, per la selezione degli imballaggi riciclabili e recuperabili, abbiamo ottenuto significativi risultati”.

Del resto, che l’incenerimento con recupero energetico dei rifiuti non si ponga affatto in contrapposizione con il riciclaggio lo testimonia anche una recente ricerca dell’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) e Federambiente. Da questa ricerca non solo emerge che l’Italia, a livello impiantistico, è in linea con le realtà  europee più avanzate sia per le tecniche adottate che per le prestazioni ambientali conseguite, ma anche che i Paesi che fanno maggior uso dell’incenerimento sono anche quelli in cui più elevate sono le percentuali di riciclaggio registrate: è il caso della Germania, dove a fronte di un 35% di rifiuti inceneriti, si ha il 65% di rifiuti avviati al riciclaggio, o dei Paesi Bassi, dove ad una percentuale di incenerimento del 49% si accompagna una percentuale di riciclaggio del 50%. “Il territorio lecchese, grazie all’attività di SILEA, è perfettamente in linea con questi esempi virtuosi. Nel 2012, a fronte di una percentuale del 45% di rifiuti inceneriti, si ha avuto il 22% di rifiuti destinati al compostaggio e il 32% al riciclaggio, con solo l’1% di rifiuti mandati in discarica”.

Proprio la discarica rappresenta infatti la sola alternativa al termovalorizzatore: “Una alternativa che ritengo non debba nemmeno essere presa in considerazione, per le gravi ricadute a livello ambientale che si determinerebbero, oltre che perché causerebbe una riduzione dei benefici della raccolta differenziata e non consentirebbe alcun recupero energetico che invece il termovalorizzatore assicura”.

Ma vi è un’altra considerazione che l’amministratore unico di SILEA SpA intende fare. E riguarda proprio il tema del recupero: “In una recente intervista, il presidente del Consorzio Plastica Corepla, Giorgio Quagliuolo, sottolineava come, nonostante gli importanti progetti di ricerca avviati per recuperare sempre più frazioni di materiale, si arriva ad un riciclo del 50% di tutta la plastica raccolta, mentre il restante 50% deve essere termovalorizzato. Ciò perché, come spiegava, il sistema impone la raccolta anche di frazioni non riciclabili per motivi tecnici vari, che devono successivamente essere inviate a recupero energetico, con inevitabili costi aggiuntivi. È un dato, questo, che va conosciuto e che deve far riflettere chi conduce battaglie all’insegna della pura demagogia. Meglio, forse, sarebbe procedere alla sola raccolta della plastica che si può ricollocare sul mercato, inviando il resto direttamente alla termovalorizzazione fino a che non si troveranno nuovi “sbocchi” atti a riutilizzare i polimeri plastici, anche perché non vi è convenienza né sotto il profilo economico, della manodopera inutilmente impiegata, né sotto il profilo ambientale, a cominciare dai viaggi dei mezzi che devono portare avanti e indietro questa plastica che non ha possibilità di recupero diversa da quella di essere termovalorizzata e quindi recuperando energia elettrica e domani energia termica”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento