Il Lecchese piace ai turisti: dati in netta crescita, cede solo la Brianza

La Provincia di Lecco ha diffuso gli elaborati: tasso di crescita in doppia cifra in quasi tutte le aree, eccezion fatta per quella a cavallo con Monzese e Milanese

Lecco in una giornata di pieno afflusso turistico

Il 2017 ha fatto registrare un aumento del flusso turistico verso la provincia di Lecco, confermando la tendenza sempre in positivo degli ultimi anni. Rispetto al 2016 gli arrivi sono cresciuti del +8,9% (da 233.159 a 253.954) e le presenze del +10,2% (da 560.384 a 617.823). E' quello che emerge dai dati elaborati dal Servizio Turismo della Provincia di Lecco in base a quelli raccolti da PoliS nel corso dell'ultimo biennio.

Una novità è rappresentata dalla ripresa, tutt’altro che trascurabile, del turismo italiano (che nel dopo Expo aveva subito una flessione) con +5,6% (da 110.507 a 116.706) di arrivi e +3,1% (da 249.488 a 257.139) di presenze; cresce ulteriormente il turismo straniero con +11,9% (da 122.652 a 137.248) di arrivi e +16% (da 310.896 a 360.684) di presenze. L’incremento interessa tutte le aree del territorio: percentuali così significative si erano rilevate unicamente nell’anno di Expo.

Abbadia: raddoppiati i flussi turistici

La permanenza media in provincia di Lecco sale lievemente: 2,43 giorni rispetto ai 2,40 del 2016, grazie soprattutto agli stranieri che si fermano sul territorio in media 2,63 giorni.

Osservando il movimento turistico nelle diverse aree, emergono i seguenti dati:

  • la città di Lecco registra +11,8% (da 88.627 a 99.123) di presenze totali e +14,3% di presenze straniere (da 56.638 a 64.750), aumentano in misura importante anche gli arrivi totali (+9%, da 36.075 a 39.340) in particolare dal mercato estero (+10,5%), che rappresenta il 60% circa del flusso turistico verso il capoluogo. Stabile la permanenenza media (da 2,46 giorni a 2,52).
  • il ramo lecchese del Lario, il cui trend positivo prosegue da alcuni anni, fa segnare +14,9% di arrivi (da 112.243 a 128.926) e +17,4% di presenze (da 288.278 a 338.583), con una forte rappresentanza di stranieri, che incidono per il 70% sul turismo di quest’area e crescono per arrivi e presenze rispettivamente del +19,1% e del +25,7%
  • l’area montana presenta valori in netto miglioramento rispetto agli anni scorsi, raggiungendo +9,8% di arrivi (da 19.262 a 21.163) e +14,2% di presenze (da 43.123 a 49.266), con un incremento delle provenienze dall’estero (+6,9% di arrivi e +30,6% di presenze), un elemento interessante in un’area frequentata prevalentemente dai connazionali (circa l’80%)
  • in Brianza - area affari, dove il movimento turistico mantiene comunque valori assoluti considerevoli, si registra un calo di arrivi (-1,6%, da 65.579 a 64.525) e di presenze (-6,8%, da 140.356 a 130.851) totali, mentre aumentano del 2,1% gli arrivi italiani, che rappresentano oltre un terzo dei connazionali in arrivo sull’intero territorio provinciale

«La rilevante crescita dei flussi turistici in provincia, in particolare sul lago e in montagna - sottolinea il Consigliere provinciale delegato al Turismo Luigi Comi - si dimostra di anno in anno più incisiva, a conferma del nuovo panorama che si sta delineando, con una connotazione sempre più internazionale, per un territorio il cui principale attrattore è il Lago di Como. Stiamo inoltre assistendo a un progressivo ampliamento dell’offerta ricettiva, prevalentemente di carattere extra-alberghiero, in relazione al fenomeno, in espansione su tutta l’area, delle case e appartamenti per vacanze, che la vigente normativa regionale in materia ha riconosciuto tra le forme di alloggio turistico, permettendo tra l’altro di rivitalizzare molte delle seconde case esistenti».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Dati positivi e incoraggianti anche per la città di Lecco - dichiara l'assessore al Turismo del Comune di Lecco Francesca Bonacina - che dicono di quanto il potenziale attrattivo del territorio si stia rapidamente trasformando in vera e propria offerta turistica, come dimostra, ad esempio, l'aumento di visitatori stranieri che costituiscono il 60% del flusso turistico verso la città. Un risultato frutto dell'iniziativa di tanti soggetti, pubblici e privati, a dimostrazione che laddove si creano sinergie la città intera ne trae beneficio. Avanti tutta!».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Oggiono: incidente in via per Molteno, giovane finisce in ospedale in gravi condizioni

  • Covid-19, i numeri del "Manzoni": occupato l'ottanta per cento dei posti nei reparti ad-hoc. Piena la terapia intensiva

  • Nuovo Dpcm: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Ferrovie, sulla Milano-Lecco debutta il treno Caravaggio: «Investimento triennale da un miliardo e mezzo»

  • Ordinanza regionale sotto accusa, Gattinoni: «Ci era stata consegnata una bozza diversa per la Dad»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento