Lavoro: avviamento-cessazioni, saldo positivo ma "drogato" da contratti precari e a basso reddito

L'analisi della Uil del Lario, condotta sui dati del Quadrante del Lavoro Regione Lombardia, tracciano il profilo del lavoro nel Lecchese

A soffrire è soprattutto la figura della donna lavoratrice

I dati relativi all’avviamento e cessazioni al lavoro anno 2019, del sistema informativo Quadrante Lavoro di Regione Lombardia, per le province di Como e Lecco, mostrano una situazione in chiaroscuro. Il saldo, come spiegato dalla Uil del Lario presieduta da Salvatore Monteduro, tra avviamenti e cessazioni è positivo ma a crescere è il lavoro precario e a basso reddito per l’alto numero di rapporti di lavoro part time, specialmente per il genere femminile:

Como anno 2019: avviamenti 69.185; cessazioni 66.884; saldo +2.301, +3,3%

Lecco anno 2019: avviamenti 35.222; cessazioni 34.851; saldo +371, +1,1%;

Mentre se si guardano i dati dello stesso periodo dell’anno 2018:

Como anno 2018: avviamenti 69.530; cessazioni 67.685; saldo +1.845, +2,66%;

Lecco anno 2018: avviamenti 37.258; cessazioni 35.468; saldo +1790, +4,81%;

Il contributo maggiore al saldo positivo a Como deriva dall’aumento degli avviamenti dei contratti part time anno 2019 rispetto al 2018:

  • Como anno 2019: avviamenti part time 21.826; nel 2018 erano stati 21.516; +310;
  • Lecco anno 2019: avviamenti part time 10.367; nel 2018 erano stati 10.442; -75.

Mentre gli avviamenti a tempo pieno anno 2019 sono diminuiti rispetto allo stesso periodo del 2018:

  • Como anno 2019: avviamenti tempo pieno 47.359; nel 2018 erano stati 48.014; -655;
  • Lecco anno 2019: avviamenti tempo pieno 24.855; nel 2018 erano stati 26.816; -1961.

Differente la situazione nei vari settori produttivi in Provincia di Como e Lecco nei saldi tra avviamento e cessazione anno 2019, diminuisce nell’Industria in entrambe le province, mentre il settore delle costruzioni frena in quella di Como:

Agricoltura

anno 2019:

Como +4,2%;

Lecco +3,6%;

Commercio e Servizi

anno 2019:

Como +4,4%;

Lecco +2,4%;

Costruzioni

anno 2019:

Como -1,1%;

Lecco +4,3%;

Industria

anno 2019:

Como -0,7%;

Lecco -2,7%.

È evidente il contributo del settore del commercio e servizi agli avviamenti per le due Province:

  • Como 53.300 avviamenti nel settore del commercio e Servizi; 
  • Lecco 22.694 avviamenti nel settore del commercio e Servizi.

Un elemento che desta preoccupazione è il saldo negativo tra avviamenti e cessazioni nei rapporti di lavoro a tempo indeterminato:

Saldo avviamenti / cessazioni, Contratti a tempo indeterminato anno 2019:             Como -2.251 unità,-12,2%; Lecco -1.093 unità, -11,5%;

Saldo avviamenti / cessazioni, Contratti a tempo determinato anno 2019:                 Como + 3.508 unità, +9,0%; Lecco + 1.294, +7,5% unità;

Saldo avviamenti / cessazioni, Contratti somministrati 2019: Como -271 unità, -4,9%; Lecco -264 unità, -4,2%;

Saldo avviamenti / cessazioni, Contratti a progetto anno 2019: Como +58 unità, +3,8%; Lecco -37 unità, -4,4%;

Saldo avviamenti / cessazioni, Contratti di apprendistato anno 2019: Como +1.257 unità, +57,2%; Lecco +471 unità, +46,7 %; Positivo anche il saldo tra avviamenti e cessazioni per il genere femminile:

Saldo avviamenti / cessazioni, Contratti tempo pieno donne anno 2019: Como +268 unità; Lecco + 164unità;

Saldo avviamenti / cessazioni, Contratti part time donne anno 2019: Como +8353; Lecco + 229 unità;

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Un 2019 che ha registrato certamente un saldo positivo tra avviamenti e cessazioni ma la crescita occupazionale, nei nostri territori - commenta Salvatore Monteduro -, è essenzialmente part time e a tempo determinato. Ancora una volta si evidenzia come il contratto part time sia quello che è maggiormente prediletto dalle aziende per le assunzioni delle donne, spesso è un obbligo e non una scelta, e ciò non fa altro che aumentare sempre di più il gap salariale tra uomini e donne. Una precarietà che condiziona pesantemente la vita dei singoli lavoratori, in quanto limita la possibilità di avere accesso al credito e la possibilità di costruirsi una pensione dignitosa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Comunali di Lecco: si va al ballottaggio, a inizio ottobre il nuovo sindaco della città

  • Elezioni, Amministrative di Lecco: iniziato lo spoglio. Exit poll: Ciresa tra il 49 e il 53%

  • Dove gustare un buon aperitivo a Lecco

  • Omicidio di Olginate: dopo otto giorni, Stefano Valsecchi si è costituito

  • Entrano in una scuola, interrompono la lezione e sbeffeggiano l'insegnante: denunciati due diciottenni

  • Carabinieri in forze ed elicottero nei cieli di Calolzio, serrate ricerche per trovare il presunto omicida di Olginate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento