menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Villa Ponchielli e l'idea di trasformarla in un'eccellenza nella ristorazione: il progetto

Terminati i lavori di messa in sicurezza, la nuova start up LAKE illustra il suo progetto

Terminati i lavori di messa in sicurezza del complesso di villa Ponchielli, patrimonio immobiliare del Comune di Lecco, in attesa del collaudo dei lavori effettuati, necessario affinchè il bene torni nella effettiva disponibilità dell'amministrazione, prosegue l'iter progettuale atto a conferire una nuova vita all'edificio di proprietà comunale e all'intera area di pertinenza, da anni inutilizzati.

Ed è nell'ambito della commissione consiliare prima del Comune di Lecco che il progetto LAKE, parziale acronimo di "Local Alliance for Knowlegde and Education in food and hospitality in the Lecco Lake" viene presentata e discussa come una proposta di recupero dal punto di vista culturale e architettonico di una villa storica in partnership con il Comune di Malgrate, il Centro di Formazione Professionale Alberghiero di Casargo, la Provincia di Lecco e la Caritas Ambrosiana.

L'obiettivo è ottenere i contributi europei del programma di finanziamento Urban Innovative Acrions attraverso il bando in scadenza il 30 marzo e realizzare nell'ambito del triennio un polo di eccellenza europeo per l’alta formazione professionale e per l'innovazione nell'ambito della ristorazione e dell’hôtellerie.

Il sito  dovrà ospitare spazi e laboratori dedicati alla formazione, un ristorante didattico, un parco aperto al territorio e ai cittadini e alle imprese del settore e riserverà una particolare attenzione alla povertà alimentare e al recupero delle eccedenze della grande distribuzione.

"Le tappe che hanno portato all'avvio di questo iter sono state tutt'altro che semplici: il coinvolgimento di tanti soggetti, gli innumerevoli incontri, le interlocuzioni con le autorità competenti, la situazione della villa e il conseguente monitoraggio dei lavori di messa in sicurezza, avviati da questa amministrazione su tutto il complesso, hanno reso impegnativo il percorso di avvicinamento a quello che possiamo definire oggi un vero e proprio punto di partenza per una nuova vita di quello edificio storico con una valenza culturale importante per la città di Lecco e non solo - spiega l'assessore al patrimonio e ai lavori pubblici del Comune di Lecco Corrado Valsecchi -. Abbiamo provveduto ad affidare il compito di portare questo ambizioso progetto all'attenzione dell'Europa alla dottoressa Luisa Lovisolo per ottenere dei finanziamenti a fondo perduto che possano consentire l'avvio di questa startup pensata di concerto con i Comuni di Malgrate e Casargo, il CPFA, la Provincia di Lecco e la Caritas Ambrosiana. Siamo particolarmente soddisfatti di quanto fatto finora, un lavoro sommerso, ma fondamentale e finalizzato a strappare dallo stato di abbandono il luogo del fermento culturale della Scapigliatura, una villa tanto bella quanto importante, mettendola a disposizione di un progetto che guarda al futuro e coinvolge attivamente i giovani, la loro professionalità e l'innovazione nel campo del food".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento