rotate-mobile
Eventi Val San Martino / Via Padri Serviti

Al Lavello le "Storie d'identità" di 13 giovani artisti

Silvia Bosio, consigliere comunale e curatrice dell'iniziativa: "Una mostra innovativa che vuole dare spazio all'arte e a un team di giovani che si stanno rivelando fantastici"

Al Lavello la passione per l'arte e il legame luoghi e affetti fanno 13. Il monastero simbolo di Calolziocorte ospita infatti questo fine settimana un'importante mostra dal titolo "Storie d'identità" con protagonisti 13 giovani - e bravi - artisti della Valle San Martino ai quali l'Amministrazione ha voluto offrire un importante palcoscenico per promuovere le proprie opere, confrontarsi e farsi conoscere. L'iniziativa è stata organizzata dal consigliere comunale Silvia Bosio, in collaborazione con Roberta Gatto.

Chi espone

Ecco i nomi dei protagonisti: Alberto Amigoni, Stefano Besana, Fabrizio Colombo, Matteo Colombo, Giada Castelnuovo, Roberta Gatto, Thomas Losa, Omar Meijer, Giovanni Tedesco, Battista Tritto, Giulia Sorrentino, Sempo, Giardini da Vinci.

Date e orari

Dopo l'inagurazione che si è tenuta nella serata di ieri, venerdì, la mostra restarà aperta al pubblico anche oggi, sabato 6 aprile e domani, domenica 7, dalle 9.30 alle 12 e dalle 15 alle 20 negli spazi del monastero messi a disposizione dalla Fondazione di Santa Maria del Lavello. L'ingresso è libero e aperto a tutti. Anche la Provincia di Lecco ha voluto dare il proprio patrocinio e alla presentazione dell'evento sono intervenuti il sindaco Marco Ghezzi, il sottogretario alla Presidenza di Regione Lombardia Mauro Piazza e la stessa curatrice della mostra.

Silvia Bosio al Lavello in occasione di una precedente iniziativa.

"Storie d’identità esplora il legame umano con luoghi ed affetti, delineando l'identità culturale e sociale attraverso immagini di terre natie ed elementi nostalgici - ha spiegato Silvia Bosio - L’appartenenza non è mero possesso, ma viene descritta come un processo di identificazione. Come cita Pavese, la necessità di ricerca di un porto sicuro in un Mondo dinamico e mutevole".

Anche gli studenti in visita

"Abbiamo già avuto in visita le prime classe dell'istituto superiore Rota con un ottimo riscontro da parte di ragazzi e docenti in termini di interesse per le opere in mostra. Io ho scommesso su questi giovani artisti e sono veramente contenta perché si stanno rivelando una squadra fantastica. Sono tutti, seppur giovani, bravissimi. Vi aspettiamo al Lavello in questa tre giorni per apprezzare i loro lavori".

"Si tratta di una mostra innovativa in quanto a fianco delle opere di ogni artista è esposto un Qr Code così che ognuno, scansionandolo, possa da solo ascoltare la bio e la descrizione delle opere. I quadri sono molti, iniziando sotto i portici e nel chiostro principale fino alla sala espositiva oltre a tutto il corridoio e alle salette minori. Sono tutti, seppur giovani, bravissimi. Il grazie principale - conclude Silvia Bosio - va dunque a loro e a tutti coloro che hanno sostenuto questa iniziativa, all'insegna di arte e cultura".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Lavello le "Storie d'identità" di 13 giovani artisti

LeccoToday è in caricamento