Lecco, parte la raccolta firme sui quesiti referendari

La campagna è promossa dal Comitato lecchese di "Democrazia costituzionale" 

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Sabato 9 aprile, dalle 9.30 alle 19, partirà anche in provincia di Lecco la campagna referendaria a difesa della democrazia e della Costituzione. A promuoverla sul territorio sarà il Comitato lecchese parte del Coordinamento nazionale "Democrazia costituzionale" (il referente provinciale nominato è Mario Moschetti), nato nel lecchese alla fine dello scorso febbraio, dopo una partecipata iniziativa dedicata alla legge costituzionale voluta dall'Esecutivo. Presentato pubblicamente come un provvedimento di "riforma", infatti, il testo altro non è che un pasticciato - e già visto - stravolgimento della Carta. Spoglia i cittadini della sovranità popolare e accentra i poteri nell'Esecutivo, come il lavoro di documentazione nel merito presentato anche il 25 febbraio ha dimostrato.

La campagna referendaria che i Comitati locali promuoveranno in tutta Italia è duplice: da un lato si raccoglieranno le firme per far sì che si possa votare al referendum "confermativo" sulla legge costituzionale del Governo (che svilisce come detto la Repubblica parlamentare nata dalla Resistenza); dall'altro si raccoglieranno le firme sui (2) quesiti referendari che puntano all'abrogazione della legge elettorale nata dalle ceneri del Porcellum (cosiddetto "Italicum"). Il combinato disposto dell'Italicum - con il peso delle segreterie dei partiti nella composizione della Camera, il premio di maggioranza abnorme senza soglia al ballottaggio e una sproporzione fortissima tra i voti dei cittadini - e della legge costituzionale, come bene ha sottolineato anche il presidente emerito della Consulta Gustavo Zagrebelsky, rappresenta infatti una pericolosa ferita alla nostra democrazia.

Ecco perché sabato 9 aprile, in piazza Garibaldi a Lecco, partirà la raccolta di firme, dal basso, così come in tutto il resto del Paese. Nei prossimi fine settimana inizieranno le raccolte anche in tutti gli altri Comuni della Provincia.

Non si tratta di una battaglia faziosa contro qualcuno, ma dell'inizio di una bella stagione di partecipazione popolare che punta a coinvolgere chi ha ancora ama la democrazia e la Costituzione. Senza pregiudizi di appartenenza.

Appuntamento quindi al banchetto di Lecco, a partire dalle 9.30 di sabato 9 aprile.

Comitato lecchese del Coordinamento nazionale "Democrazia costituzionale"

Per info e contatti: costituzionebenecomune.lc@gmail.com o www.coordinamentolecchesedemocraziacostituzionale.info.

I più letti
Torna su
LeccoToday è in caricamento