Riva Luigi ’69 ’70 – Cagliari ai dì dello scudetto

SABATO 8 FEBBRAIO 2020 ore 20.45

RIVA LUIGI ’69 ’70 – Cagliari ai dì dello scudetto

Cada die Teatro

Di e con Alessandro Lay

Luci Giovanni Schirru

Suono Matteo Sanna

Scene di Mario Madeddu, Marilena Pittiu, Matteo Sanna, Giovanni Schirru

Nel 1970, quando il Cagliari divenne campione d'Italia, io avevo 8 anni. Non ricordo molto dello scudetto, ma ricordo come era la città, come ci vestivamo, come ci appendevamo ai tram per non pagare, l'album della Panini e le partire ' a figurine' sui gradini della scuola elementare. Ricordo il medagliere, con i profili dei giocatori del Cagliari sulle monete di finto, fintissimo oro da collezionare. E ricordo vagamente un ragazzo schivo, a volte sorridente, che guardava sempre da un'altra parte quando lo intervistavano. Un ragazzo che puntava i pugni in terra e si faceva tutto il campo correndo ogni volta che segnava un gol...

Ingresso posto unico: 9€ 
Biglietti in vendita anche online sul sito Vivaticket.it
Prenotazione consigliata: segreteria@teatroinvito.it | Tel. 0341 1582439 (lun - ven 9.30/13)

“Che cos'è una lingua? "Un sistema di segni", risponde nel modo oggi più esatto, un semiologo. Il gioco del football è un "sistema di segni"; è, cioè, una lingua, sia pure non verbale. La sintassi si esprime nella "partita", che è un vero e proprio discorso drammatico. 

Ci può essere un calcio come linguaggio fondamentalmente prosastico e un calcio come linguaggio fondamentalmente poetico. Per spiegarmi darò alcuni esempi: Bulgarelli gioca un calcio in prosa: egli è un "prosatore realista"; Riva gioca un calcio in poesia: egli è un "poeta realista".”    

    Pierpaolo Pasolini

“Nel 1970, quando il Cagliari divenne campione d'Italia, io avevo 8 anni. Non ricordo molto dello scudetto, ma ricordo come era la città, come ci vestivamo, come ci appendevamo ai tram per non pagare, l'album della Panini e le partite 'a figurine' sui gradini della scuola elementare. Ricordo il medagliere, con i profili dei giocatori del Cagliari sulle monete di finto, fintissimo oro da collezionare.

E ricordo vagamente un ragazzo schivo, a volte sorridente, che guardava sempre da un'altra parte quando lo intervistavano. Un ragazzo che puntava i pugni in terra e si faceva tutto il campo correndo ogni volta che segnava un gol…”

Alessandro Lay

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Sport, potrebbe interessarti

  • Mese dello Sport

    • Gratis
    • dal 31 agosto al 22 novembre 2020
    • Varie

I più visti

  • Mostre 2020 a Lecco: il calendario integrale

    • dal 10 dicembre 2019 al 31 marzo 2021
    • Varie
  • Il Giro del Lario in otto ristoranti

    • dal 10 agosto al 29 novembre 2020
    • Vedi programma
  • Mostra e mercatini con la Pro loco Mandello

    • Gratis
    • dal 26 luglio al 25 ottobre 2020
    • Mostra al Lido, mercatini in Piazza Italia
  • La scapigliatura

    • dal 19 settembre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Palazzo delle Paure
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    LeccoToday è in caricamento