rotate-mobile
Giovedì, 29 Febbraio 2024
Green

Carbon thumbprint: cos’è l’inquinamento digitale?

Il digital inquina, l’industria del digitale è responsabile per il 4% delle emissioni di CO2 mondiali e questo dato è destinato a raddoppiare nei prossimi anni

Digitalizzazione e sostenibilità sono parole ormai strettamente interconnesse, assumendo sia accezioni positive che negative. Pochi considerano l’impronta carbonica di internet e delle operazioni digitali, come per esempio, inviare una e-mail o realizzare un video in diretta. In Italia ci sono 35 milioni di utenti che utilizzano l’e-mail, e ogni e-mail inviata produce circa 4g di CO2. La consapevolezza sull’interrelazione tra digitale e impatto ambientale è relegata principalmente al ricambio dei dispositivi elettronici. Eppure, secondo i dati il funzionamento dei prodotti e dei servizi digitali ogni anno produce 1.6 miliardi di tonnellate di gas serra. Questo significa che ognuno di noi produce oltre 400 kg di anidride carbonica. La industry del digitale è responsabile per il 4% delle emissioni di CO2 mondiali e questo dato è destinato a raddoppiare entro il 2025. Le stime parlano di un 20% del totale delle emissioni di CO2 mondiali entro il 2050.

L'inquinamento digitale è responsabile del 3,7% delle emissioni di CO2 a livello globale, il 50% in più rispetto al trasporto aereo (2,4%) Tuttavia l'inquinamento digitale è un problema raramente identificato, figuriamoci affrontato. Le persone spesso pensano che lo streaming online, l'invio di e-mail e lo svolgimento di ricerche online non abbiano alcun effetto ambientale esterno. Poiché l'inquinamento digitale è invisibile, viene spesso sottovalutato.

Cos’è l’inquinamento digitale?

L’inquinamento digitale è un fenomeno prodotto dai combustibili fossili utilizzati per produrre l’elettricità necessaria per il funzionamento dei centri dati e dei server, nonché dalla produzione e dallo smaltimento dei dispositivi elettronici che utilizziamo. È responsabile del 4% di emissioni di gas serra e l’attuale andamento suggerisce che tali emissioni possano raddoppiare entro il 2030 a causa dell’aumento degli utenti a livello globale. Internet non è infatti immateriale: è costituito da una moltitudine di elementi (computer, cavi, antenne) che permettono ai dati (video, foto, email, pagine web) di essere conservati e trasferiti ai nostri dispositivi. Queste tecnologie devono essere prodotte e alimentate, generando un costo energetico significativo.

L'inquinamento digitale comprende tre elementi: produzione, pratiche e rifiuti elettronici. La produzione e i rifiuti elettronici sono gli elementi di cui si parla di più, e per una buona ragione: man mano che i dispositivi diventano più piccoli e il numero di componenti interni aumenta, la produzione e lo spreco ambientale dei dispositivi non sono mai stati maggiori. In effetti, i telefoni cellulari utilizzati negli anni '60 erano composti da soli 10 componenti, mentre ciascuno degli smartphone di oggi è composto da circa 54. Le modalità di estrazione dei componenti sono problematiche e il fatto che il numero di componenti richiesti sia in crescita è altrettanto problematico. Anche l'enorme infrastruttura Internet spesso non viene considerata. Ciò comprende data center, server, cavi in ​​fibra ottica sottomarini, antenne relè, box wi-fi e molto altro, che elaborano ogni piccola azione eseguita online. Quindi ogni volta che viene inviata un'e-mail, può letteralmente fare il giro del mondo. Di conseguenza, l'invio di un'e-mail standard può produrre 4 g di CO2e mentre un'e-mail più lunga con allegati può produrre 50 g di CO2e.

Non è tutto, ogni volta che viene eseguita una ricerca, l'impronta di carbonio generata e rilasciata nell'atmosfera da questa azione ammonta a circa 0,9 g di CO2, e ogni pagina web che rimane aperta deve continuamente connettersi al proprio server. Mentre guardare un video online sembra innocuo, è una delle attività online a più alta intensità di CO2e, guardare un video per un'ora equivale a rilasciare 130 g di CO2 nell'atmosfera o collegare un frigorifero per un anno intero! Lo streaming è responsabile del 60% del traffico dati sul Web e la quantità totale di video online su Internet è pari all'1% del GHG globale.

Quali sono le cause dell'inquinamento digitale?

Alla radice dell'inquinamento digitale c'è l'anidride carbonica emessa durante lo scambio di dati o dagli impianti elettrici necessari al funzionamento dei data center dei servizi digitali primari. I data center in cui i dati vengono archiviati ed elaborati consumano da 10 a 50 volte più energia per metro quadrato rispetto a un ufficio tradizionale. Secondo l'Agenzia internazionale dell'energia, i data center sono responsabili di circa l'1% della domanda mondiale di energia. Un'altra questione importante riguarda l'energia necessaria per far funzionare i sistemi di raffreddamento. Oltre alle emissioni di gas serra, c'è l'impatto dell'estrazione, raffinazione e smaltimento dei metalli (ricordiamo che ci sono 34 miliardi di smartphone, computer, console di gioco e televisori sul pianeta e il numero sembra destinato a crescere). Oltre ad essere una risorsa finita utilizzata per produrre smartphone, l'estrazione di metalli è legata alla distruzione dell'ambiente, allo sfruttamento dei bambini e al lavoro illegale.

Alcune delle azioni che tutti possiamo intraprendere per ridurre la nostra impronta di carbonio digitale includono:

  1. Annulla l'iscrizione alle newsletter che non leggi
  2. Evita di inviare immagini quando possibile
  3. Salva i siti Web visitati di frequente nella scheda dei preferiti
  4. Fare clic nel browser della cronologia per accedere direttamente a un sito
  5. Digita l'URL direttamente nella barra degli indirizzi quando lo conosci
  6. Guarda i video con una risoluzione inferiore
  7. Pensaci due volte prima di scorrere i video sui social media
  8. Spegnere le telecamere durante le riunioni quando appropriato
  9. Elimina e-mail e file ove appropriato ed evita la duplicazione dei file

Ci sono altri piccoli passi che ognuno di noi può fare per ridurre l'inquinamento digitale di cui siamo responsabili, come spegnere il computer alla fine di ogni giornata e scollegare computer e telefoni quando sono completamente carichi. In termini di azioni aziendali, un modo per incorporare il cambiamento è stabilire nuove norme, aumentare la consapevolezza dei problemi e comunicare con i team. Se tutti noi mandassimo un’e-mail in meno a settimana, quelle non necessarie in cui vi è scritto un semplice ‘grazie’, risparmieremmo 140 tonnellate di CO2. Un totale di 7.280 tonnellate all’anno: il corrispettivo di 26 mila km percorsi in macchina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carbon thumbprint: cos’è l’inquinamento digitale?

LeccoToday è in caricamento