Festival dell'Ambiente e della sostenibilità, Cattaneo: «Serve un ambientalismo in salsa lombarda»

L'assessore regionale ospite al taglio del nastro della kermesse in Piazza Cermenati. «Scienza, concretezza ed equilibrio». Dossi: «L'impegno delle istituzioni diventi di tutti»

L'inaugurazione del Festival dell'Ambiente e della sostenibilità

È stata inaugurata questa mattina, in Piazza Cermenati, la prima edizione del Festival dell'Ambiente e della Sostenibilità. Organizzata dal Comune di Lecco con la collaborazione di enti e associazioni, la kermesse durerà sino a domenica e porterà in città le tematiche di vita "green" e le buone prassi di sostenibilità ambientale.

Presente l'assessore regionale all'Ambiente Raffaele Cattaneo, intervenuto per l'inaugurazione, insieme al vicesindaco di Lecco Francesca Bonacina, l'assessore all'Ambiente Alessio Dossi, il presidente della Provincia di Lecco Claudio Usuelli e tante altre autorità, rappresentanti delle forze dell'ordine, delle associazioni, del lavoro, della scuola.

«Questo festival è per tutti»

«Abbiamo voluto proporre l'iniziativa alla gente, ai visitatori, ai passanti. Èil frutto del lavoro di tanti, istituzioni, enti pubblici, privati, associazionismo e cooperazione. Mi sento di ringraziare tutti questi soggetti - ha spiegato Francesca Bonacina, vicesindaco di Lecco - Ci rendiamo conto quando parliamo di ambiente, di come proprio tutti siano chiamati in causa».

Festival dell'Ambiente: il programma

«L'intenzione di portare una tre giorni in piazza per mostrare le nostre scelte attuali e future per lo sviluppo sostenibile del territorio è stata importante - ha spiegato l'assessore Dossi - Dobbiamo trasformare il nostro impegno, anche concreto, e farlo diventare di tutti, dalle istituzioni al cittadino, e dobbiamo farlo in fretta. La speranza è che ci sia la massima contaminazione possibile, ma il festival vuole essere solo la punta dell'iceberg».

Cattaneo: «Di fronte a una rivoluzione»

«Si sta diffonfendo la consapevolezza che siamo di fronte a una rivoluzione - sono state le parole dell'assessore Cattaneo - Talmente necessaria a cambiare la nostra vita, e necesssaria a garantirla in futuro, che non può non coivolgere tutti. Non si può più affrontare questo tema in maniera ideologica o negazionista, dobbiamo cambiare i comportamenti individuali. I cambiamenti climatici, uno dei principali temi, è sotto gli occhi di tutti e lo abbiamo visto anche ad agosto con i danni del maltempo. Lo sviluppo tecnologico non basta più: ci vuole un nuovo modello di sviluppo, serve un'alleanza tra economia ed ecologia. Tante aziende presenti in questo festival hanno già cominciato a farlo. Serve un ambientalismo in salsa lombarda, fatto di pragmatismo, rispetto delle evidenze scientifiche ed equilibrio fra tante necessità diverse».

Usuelli: «I giovani ci aiuteranno»

Usuelli, presidente della provincia, ha così continuato: «L'ambiente è di tutti noi, di chi c'è e soprattutto di chi verrà. Per questo dobbiamo avere lungimiranza. A Nibionno, ieri, abbiamo distribuito agli alunni di elementari e medie borracce di alluminio acquistate dall'Amministrazione comunale. Alla domanda "sapete perché ve le distribuiamo?", tutti i bambini hanno risposto all'unisono "perché non dobbiamo più usare la plastica che inquina". I ragazzi di oggi sono più sensibili rispetto a noi e dobbiamo chiedere aiuto a loro per conservare il nostro pianeta, senza negare l'evidenza dei cambiamenti climatici».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Venezia. Imbarcazione si schianta: morto il recordman Buzzi, ferito Invernizzi

  • Tragedia di Venezia: Nicolini è la seconda vittima lecchese. Invernizzi sotto osservazione

  • Valmadrera: si cerca Cesare Piras, visto l'ultima volta in città

  • Addio al genio Fabio Buzzi: ha scritto la storia della motonautica

  • Calolzio: gratta e vince 100.000 euro nella tabaccheria del centro

  • Resta bloccata con l'auto al passaggio a livello, donna brianzola denunciata

Torna su
LeccoToday è in caricamento