menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fra le città italiane più "smart", Lecco è al quarantaduesimo posto

Il capoluogo lariano ha la miglior assistenza sanitaria del Paese, ma mancano investimenti nelle energie alternative: ecco luci e ombre di Lecco città "intelligente"

Arriva la classifica delle città italiane più "smart": è ICity Rate 2015, presentata oggi 15 ottobre a Bologna dal Forum PA con Openpolis.

Esaminando 150 indicatori statistici, i ricercatori hanno stabilito quali sono le città più "smart" dello Stivale: innovative, efficienti, ma anche a misura d'uomo e sicure. Ad aprire la classifica è ancora Milano, che in questi ultimi anni sembra vivere una sorta di "rinascimento", in particolare se confrontata con Roma, che si posiziona solo al 21esimo posto sulle 106 città capoluogo esaminate.

Lecco si piazza nella prima metà della classifica generale, in posizione numero 42 col punteggio di 478,18: nelle 6 "categorie" di indicatori, quella in cui la città eccelle è Legality, dove ottiene il terzo posto. L'altra miglior performance della città è nella tutela dell'ambiente, dove l'unico neo è rapprestentato dall'indicatore del fotovoltaico comunale. A Lecco, infatti, l'indagine non registra un tasso sufficiente di investimenti e opere, e la città finisce in ultima posizione sui 106 capoluoghi esaminati.

Maglia nera, con altri capoluoghi di provincia, anche per la penetrazione di Twitter fra la popolazione, criterio inserito nella sezione "Governance": a essere presa in esame, nel dettaglio, è stata sia la presenza di un account sul social network dell'amministrazione comunale (che Palazzo Bovara non ha, ma si appoggia all'account del Sindaco Brivio), e sul numero di followers che ne seguono gli aggiornamenti, in questo caso nessuno, non essendoci un profilo su cui fare la valutazione. Lecco si dimostra in "difetto" anche sotto l'aspetto dell'accessibilità aerea e della mobilità alternativa, entrambi criteri della sezione Mobility: nel primo caso, la città è ultima in Italia, nel secondo, invece, il risultato è direttamente un "non determinato".

Pollici alti per Lecco, invece, nella sezione People, dove la città si dimostra "smart" per la duffusione dell'home banking (ottavo posto) e per la fluidità del mercato del lavoro (posizione numero 7 su 106). 

Punta di diamante della vita lecchese è l'assistenza sanitaria, indicatore sella sezione Living in cui la città si colloca al primo posto sui 106 capoluoghi italiani, ma non si tratta dell'unica eccellenza in questa categoria: Lecco risulta anche una delle città in cui ci sono maggiori opportunità di lavoro (ottava posizione). Per contro, pessima performance sulle infrastrutture di connessione, criterio in cui Lecco è ultima: c'è da dire però che i lavori per la posa della banda ultra larga sono partiti solo in tempi molto recenti, così come solo in questi giorni è stato attivato a regime il servizio di wi-fi gratuito comunale.

Sotto l'aspetto economico, infine, Lecco si mostra una realtà in chiaroscuro, ancora vittima della crisi ma con la marcia ingranata per uscirne: se da un lato, infatti, la produttività è a livelli estremamente bassi (centesima posizione), dall'altro lato la città eccelle nei comportamenti innovativi, piazzandosi sesta sui 106 capoluoghi esaminati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

Priscilla cerca casa: «È dolcissima»

Attualità

I 10 luoghi simbolo di Lecco più amati dai visitatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento