Inquinamento, da ottobre stop ai diesel Euro 3 in 12 comuni lecchesi

Dal 15 ottobre entrerà in vigore il nuovo divieto sui mezzi inquinanti stabilito dal "Tavolo aria" di Regione Lombardia

La manovra per contrastare l'inquinamento dell'aria (foto archivio)

Stop ai veicoli diesel Euro 3 in 12 comuni lecchesi: tanti sono, infatti, i comuni della provincia interessata dalla cosiddetta Fascia 1, nella quale entrerà in vigore il nuovo divieto di circolazione dall'autunno del 2016.

«A partire da ottobre interverrà un nuovo divieto riguardante i mezzi ancora in circolazione, ma fortemente inquinanti, che durerà fino ad aprile 2017»: a dirlo è l'assessore regionale all'ambiente Claudia Maria Terzi, a margine del "Tavolo Aria", il Tavolo permanente di lavoro con funzioni di consultazione istituzionale in materia di qualità dell’aria convocato a Palazzo Lombardia.

«Siamo molto orgogliosi di questo provvedimento, che andrà in Giunta la prossima settimana – ha detto la titolare lombarda dell’Ambiente – e che vede come sempre la Lombardia precursore rispetto alle altre Regioni italiane».

La Fascia 1 si compone di 209 comuni, di cui 12 in provincia di Lecco: nello specifico si tratta di Airuno, Brivio, Calco, Cernusco Lombardone, Imbersago, Lomagna, Merate, Olgiate Molgora, Osnago, Paderno d’Adda, Robbiate, Verderio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Stiamo anche proseguendo  – ha aggiunto l’esponente della Giunta Maroni – tutto il lavoro sulle combustioni delle biomasse legnose, che è un’altra fonte importante di produzione di pm10, ovvero della cattiva qualità dell’aria, e parimenti continuiamo con l’azione di sollecitazione al Governo per quanto riguarda i decreti attuativi dell’accordo del Bacino Padano. In sede tecnica abbiamo raggiunto con tutte le altre Regioni gli accordi, sostanzialmente ora mancano quindi solo i decreti attuativi, in particolare dal Ministero dell’Economia. Questo sarebbe fondamentale al fine di omogenizzare tutti gli interventi a livello di Bacino Padano, quindi Nord Italia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estate in arrivo, come allontanare le formiche da casa utilizzando rimedi naturali

  • Incidente di via Papa Giovanni: morta la 19enne sbalzata da un'automobile

  • Aggressione in Piazza XX Settembre: volano le sedie, un ferito

  • Giovane investita in via Papa Giovanni: il colpevole fugge ma viene rintracciato, la 19enne finisce in ospedale

  • Transumanza da record a Lecco: atteso sabato il passaggio di 3.200 pecore

  • Nubifragio nel Lecchese: allagata la strada provinciale a Garlate

Torna su
LeccoToday è in caricamento