menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La spiaggetta della Malpensata (foto da Instagram)

La spiaggetta della Malpensata (foto da Instagram)

Siccità, Legambiente: «Rincorrere le emergenze provocherebbe ancora più danni»

Situazione grave per laghi e fiumi, anche se non è ancora non si é entrati in stato di emergenza. Legambiente: «Le misure per fronteggiare la fase critica non devono aumentare le sofferenze di fiumi e laghi»

In Lombardia le cattive notizie della siccità riguardano fiumi e laghi, oltre ai campi coltivati, con semine a rischio per la scarsità di piogge e di temperature anomale che sono state frequenti in febbraio e marzo, provocando una siccità decisamente fuori stagione.

«La siccità in Lombardia è un segnale del cambiamento climatico? Probabile. - dichiara Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia – Ma in questa situazione di difficoltà, anche per gli agricoltori, bisogna mantenere la calma. Interpretare i segnali del clima richiede lo sviluppo di strategie di adattamento e rincorrere le emergenze, che saranno sempre più frequenti, rischia di provocare ulteriori danni ai delicati ecosistemi di laghi e fiumi».

Pioggia, poco sole, eventi estremi: il Sole 24 Ore boccia il clima di Lecco

Poca pioggia, la situazione è critica

I dati climatici stagionali evidenziano una situazione critica per le precipitazioni sui bacini montani, soprattutto dell’ovest Lombardia, ma mettono anche in guardia dagli eccessivi allarmismi. Purtroppo la neve delle quote medie e basse si è già sciolta precocemente a causa del caldo anomalo, mentre il disgelo ad alta quota non è ancora in corso, e questo spiega la carenza di afflussi a valle e lo stato di forte sofferenza di laghi e fiumi. Inoltre, la neve in alta quota c’è anche se i quantitativi complessivi di scorta idrica del manto nevoso sono sotto la media anche se non troppo lontani dal dato degli ultimi decenni.

Per quanto riguarda le precipitazioni, nelle Alpi e Prealpi, da cui dipende il sistema irriguo lombardo, è piovuto poco, mediamente la metà delle precipitazioni attese nel trimestre gennaio-marzo. Il bacino montano del Ticino è quello messo peggio, e le preoccupazioni per il comparto risicolo, che è anche il primo ad esprimere un forte bisogno di approvvigionamento idrico, sono comprensibili.

«Fu peggiore il 2012»

Va detto però che i dati attuali di carenza di precipitazioni non sono i peggiori del decennio: andò peggio, nello stesso trimestre, nel 2012, anno che si concluse con precipitazioni nella norma grazie ad una decisa ripresa delle precipitazioni a partire da aprile. Dunque, ora occorre gestire la situazione critica per le lavorazioni stagionali e molto dipenderà dalle precipitazioni del mese che sta per cominciare.

Lago in sofferenza, caldo da record: nel Lecchese lo specchio del cambiamento climatico

«Dal lontano 2003, annata veramente anomala per temperature e crisi idrica, è diventata evidente la necessità di ripensare colture e sistemi irrigui della Lombardia. Purtroppo da allora poco è stato fatto e continuiamo ad avere un'agricoltura fortementeidroesigente – conclude Meggetto -. Occorre evitar, in ogni caso che, per rispondere ai bisogni dell’agricoltura, si ricorra a misure di carattere emergenziale che esporrebbero fiumi e laghi a condizioni ecologicamente ancora più critiche di quelle che stanno vivendo a causa della siccità».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento