«Tassare le emissioni di anidride carbonica»: Appello per Lecco stimola il Comune

Nella Giornata Internazionale della Terra la richiesta della civica all'Amministrazione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Il concetto di sostenibilità è spesso una parola usata in maniera modaiola, ma dietro di essa non sempre ci sono iniziative che realmente conducono a risultati efficaci e misurabili. I Comuni e i Sindaci sono degli attori fondamentali nei riguardi della divulgazione e realizzazione di azioni sostenibili a difesa del Pianeta.

Una delle iniziative che in questo momento sta coinvolgendo i comuni italiani ed europei è "Stop global warming", la campagna ideata da Marco Cappato, Monica Frassoni e altri attivisti per raccogliere un milione di firme e portare alla Commissione Europea la richiesta di tassare le emissioni di CO2 per le aziende all'interno dell'unione europea e un adattamento per le merci che vengono prodotte al di fuori dei confini europei. Tale richiesta, oltre ad avere come diretta conseguenza quella di disincentivare la produzione di CO2, diminuirebbe anche le tasse sul lavoro, agendo su due fronti: quello ecologico/sostenibile e quello economico/lavorativo.

«Appello per Lecco, tramite il consigliere Corrado Valsecchi, ha chiesto al Sindaco di Lecco durante il Consiglio Comunale che si è tenuto lo scorso lunedì 19 aprile di aderire come Comune a tale iniziativa, promuovendola sul sito del Comune di Lecco e incentivando la firma sul sito di Stop Global Warming (stopglobalwarming.eu)», spiega il portavoce Gaia Bolognini.

Marco Cappato, attivista e fondatore del movimento di cittadini europei sullo sviluppo sostenibile Eumans, ha dichiarato in una intervista rilasciata alla giornalista Viviana Musumeci per il magazine Cocooners.com: «È un interesse di tutti ridurre le emissioni, ma per farlo bisogna andare a toccare interessi particolari e simboli che rallentano e frenano questo processo. Un elemento che a mio avviso manca nel dibattito sul clima è quello della copertura dei costi della transizione ecologica. Al cittadino non è ancora chiaro cosa è possibile fare per colmare questo vuoto. Ecco perché la nostra proposta è esplicita perché sposteremmo le tasse del lavoro a quelle legate alle emissioni».

Alla campagna hanno aderito in Italia già 60 primi cittadini: la sindaca di Roma, Virginia Raggi, di Milano, Giuseppe Sala, di Napoli Luigi De Magistris, i sindaci di Bergamo, Giorgio  Gori, Palermo, Leoluca Orlando, Firenze Dario Nardella (anche Presidente di Eurocities), Bari Antonio Decaro, Parma Federico Pizzarotti, Pesaro Matteo Ricci. A livello Europeo, Stop Global Warming ha raccolto adesioni tra i sindaci delle città di Dublino, Riga, Monaco, Francoforte, Eindhoven e Dortmund.

La campagna sarà attiva fino al 22 luglio 2021.

I più letti
Torna su
LeccoToday è in caricamento