Teleriscaldamento, Progetto Valmadrera difende la scelta: «Soluzione a basso impatto ambientale»

La lista civica di centrosinistra votò unanimemente "si" al progetto di Silea: «Il teleriscaldamento è una soluzione a basso impatto ambientale e alta efficienza energetica»

La centrale operativa di Silea

In questi giorni di avvicinamento alle elezioni amministrative, che si terranno domenica 26 maggio, a Valmadrera si è tornato a parlare in maniera prepotente del progetto di teleriscaldamento portato avanti dall'azienda pubblica Silea Spa. Il consiglio comunale a settembre 2018 ha votato a larga maggioranza per l'approvazione della convenzione (si opposero solo Elio Bartesaghi, Brigida Benati e Olivo Valsecchi) e, a mesi di distanza, Progetto Valmadrera, lista civica di maggioranza, è tornata a difendere con fermezza la scelta fatta.

Teleriscaldamento: Progetto Valmadrera ribadisce il "si"

«La convenzione approvata dal Consiglio Comunale di Valmadrera prevede la realizzazione di una rete di TLR (Teleriscaldamento) che in futuro - si legge in una nota stampa -, al massimo entro il 2032 secondo le disposizioni dell’Aia, dovrà essere alimentata da impianti a energia rinnovabile e svincolata totalmente dal termovalorizzatore. In questo bando verranno premiati i progetti che propongono soluzioni a basso impatto ambientale, alta efficienza energetica e anticipo sui tempi di realizzazione. Alla fine della concessione i comuni diverranno proprietari dell’infrastruttura (del valore di parecchi milioni di euro), ovvero di una rete di TLR alimentata esclusivamente con impianti a fonti di energia rinnovabile con la categorica esclusione di alimentazione a fonti fossili. Così si andranno a sostituire migliaia di caldaie alimentate a gas con evidenti vantaggi a livello ambientale».

Progetto Valmadrera verso le elezioni: «Facciamo la ciclopedonale Parè-Malgrate»

Una politica di gestione dei rifiuti moderna, a tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini, secondo la lista civica: «Siamo i primi a voler incentivare una politica di gestione dei rifiuti sempre più attenta agli aspetti ambientali riducendo i rifiuti, elevando la qualità della raccolta differenziata, diminuendo al minimo la parte residuale da incenerire e privilegiando il recupero di materia. Solo riducendo in maniera significativa i rifiuti residuali potremo confrontarci con gli enti, in particolare Regione Lombardia e Governo: questi ultimi sono gli unici che possono decidere per una rimodulazione della quantità di rifiuti inceneriti nell’impianto di Valmadrera».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Riguardo all’ipotesi dello spegnimento del forno – precisa Progetto Valmadrera – solo il sindaco può chiedere la chiusura dell’impianto a tutela della salute dei cittadini: una condizione difficile da immaginare per la nostra struttura di Valmadrera che rispetta tutti i limiti imposti dalle normative europee».

Progetto Valmadrera, in corsa con Pamela Cazzaniga: «Mi occuperò di barriere architettoniche» 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto in valle San Martino per la scomparsa a 54 anni del dentista Roberto Carrara

  • Viveva legato sul balcone: cagnolino tratto in salvo dalle guardie ecozoofile

  • Ottanta pecore dirette in alpeggio cadono e annegano nel torrente

  • Ubriaco, si lancia nel lago con la jeep: 36enne salvo per miracolo

  • Lutto nell'alpinismo: addio a Matteo Pasquetto, grande amico dei Ragni Lecco

  • Malore fatale sul Monte Legnone, Mandello piange Paolo Villa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento