menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Come scegliere il collare più adatto per il vostro cane

Ecco alcuni consigli utili per la scelta del collare perfetto per il vostro amico a quattro zampe

Quando si parla di collari per cani, c’è da dire innanzitutto che non tutti i cani li accettano con piacere, soprattutto se adulti e non più abituati. Tuttavia evitarlo, è praticamente impossibile, poiché quando si esce, è d’obbligo munirsi di collare e guinzaglio.

I collari per cani, ad un occhio poco preparato, possono sembrare tutti simili tra loro. In realtà non è così. Esistono infatti collari di diverse misure, materiali, tipologie, e un acquisto errato, potrebbe anche nuocere alla salute del vostro cane.

Vediamo quindi come scegliere il collare più adatto per il vostro amico a quattro zampe.

Scegliere il collare in base al materiale

I materiali più diffusi per la creazione di collari per cani, sono sicuramente il nylon, l’acciaio e la pelle. 

Il collare in nylon è molto diffuso, e si adatta facilmente ad ogni razza o dimensione. Ha costi meno elevati rispetto alle altre tipologie, ed è piuttosto semplice da pulire. 

Rispetto ad altri tipi di collare, vengono ben accettati da cuccioli e cani non abituati a portarli. 

I collari in pelle invece, hanno sicuramente una durata più lunga e dal punto di vista estetico sono davvero molto belli. Per quanto riguarda la manutenzione però, necessitano di maggiore cura e attenzione rispetto ai modelli in nylon. 

I collari in acciaio infine, vengono utilizzati maggiormente per cani di grossa taglia o stazza, grazie al materiale resistente con il quale vengono realizzati. 

Tipologie di collare

La passeggiata con il proprio cane, deve essere un momento felice, e il collare rappresenta quindi un accessorio indispensabile ma anche confortevole. Sulla base di ciò, è possibile scegliere tra tre tipologie di collare:

  • Collare a fascetta. Ideale per cani di taglia piccola o per cani che non sono mai stati abituati ad andare al guinzaglio. È bene utilizzarlo con i cuccioli, soprattutto nei primi mesi. È costituito da una fascetta in tessuto, nylon o cuoio che fa il giro completo intorno al collo del cane, e si allaccia con una fibbia o con un moschettone regolabile;
  • Collare a semistrozzo. Si infila facilmente e si regola da sé una volta indossato. Salvaguarda di più il pelo, e si adatta per cani di media e grossa taglia, già abituati a non tirare al guinzaglio. È costituito da due parti: una in catena, nylon, tessuto o cuoio con due anelli alle estremità, e una seconda parte a catena che passa in questi due anelli e termina con entrambe le estremità su un terzo anello a cui viene agganciato il moschettone del guinzaglio; 
  • Collare a strozzo. Utilizzato sempre per cani di media e grossa taglia, è costituito da un'unica porzione, tutta a catena, provvista di due anelli agli estremi, di cui uno scorre per tutta la lunghezza del collare mentre l'altro serve per agganciare il moschettone del guinzaglio. 

Quale collare acquistare?

Il collare migliore è quello liscio senza accessori inutili, facile da indossare e comodo per il cane. Non dovrà stringere, soffocare, stressare, oppure presentare spuntoni, uncini, ganci o articoli che potrebbero ferirlo. Non dovrà risultare troppo grosso o pesante, ma un oggetto in sintonia con il corpo e la stazza del vostro amico.

Come abituare il cane al collare

Per impedire che il vostro cucciolo si rifiuti di portare il collare, è importante abituarlo in modo graduale e positivo, con una serie di piccoli premi. 

Per prima cosa potrebbe essere utile realizzare un fac-simile con la stoffa, magari un lungo nastro leggero da legare intorno al collo del cucciolo. Non dovrà stringere o strozzare, ma risultare agevole così da facilitare il procedimento. Attraverso il gioco, le carezze, i biscottini premio il collare potrà diventare familiare, un oggetto positivo. Il proprietario dovrà ripetere il gesto per qualche giorno, togliendo rapidamente il nastro in caso di pericolo o di rifiuto netto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento