Come pulire i capi in camoscio senza rovinarli

Pulire il camoscio non è facile, ma è possibile. Ecco alcuni consigli per far tornare la tua giacca di camoscio come nuova

Il camoscio è un tessuto prezioso e apprezzato, con cui si realizzano borse, cappotti, scarpe e cinture. 

I capi di camoscio sono sicuramente molto belli, ma altrettanto delicati, infatti, tendono a macchiarsi facilmente e allo tesso tempo risultano difficili da pulire. 

A causa della sua delicatezza, è bene usare prodotti specifici per la pulizia in modo da non rovinarlo. Se invece ci sono delle macchie, esistono metodi appropriati per eliminarle, senza compiere un'eccessiva aggressione sul tessuto.

Ecco alcuni utili consigli per lavare il camoscio senza rischiare di rovinarlo.

Pre-trattare la pelle scamosciata

Per evitare che i vostri capi in camoscio si rovinino, magari in caso di pioggia, è utile pre-trattarli con uno spray impermeabilizzante. Un prodotto che è possibile trovare al supermercato o in negozi specializzati. 

Mentre spruzzate, mantenere sempre lo spray a 20-30 centimetri in modo da prevenire la formazione di macchie. Lasciate agire per 30 minuti e i vostri capi in camoscio saranno pronti per essere indossati. 

Lavare il camoscio in lavatrice

È possibile lavare il camoscio in lavatrice, ma è bene prestare attenzione:

  • Lavate il vostro capo in pelle scamosciata da solo e girato al contrario
  • Non utilizzate detersivi, solo un po’ di ammorbidente
  • Usate un programma delicato e optate per un lavaggio a mano o indicato per lana
  • Spazzolate la pelle con un attrezzo apposito 

Come rimuovere le macchie

Prima di tutto occorre preparare il camoscio per la pulizia, munendosi di un asciugamano con il quale strofinare la parte dove è presente la macchia. 

Dopo questa operazione, occorre munirsi di una gomma per cancellare, bianca o marrone in modo da non lasciare macchie sul capo, e iniziare a sfregare la superficie. Così facendo la macchia inizia a sparire.A questo punto dovrete utilizzare la spazzola per la pelle e iniziare a strofinarla su tutta la superficie del capo. 

Successivamente prendete un panno inumidito con dell'aceto e passatelo sulle macchie che non sono ancora andate via, poi prendete un panno di carta e strofinatelo sulla zona interessata così da far assorbire più velocemente il liquido. Per eliminare l'odore di aceto eventualmente rimasto sulla zona trattata, lasciate riposare il capo in una stanza areata.

Potete utilizzare, in alternativa, del bicarbonato: prendete il bicarbonato e versatene un pò sulla macchia, aspettate circa 10 minuti e poi iniziate a spazzolarlo con uno spazzolino con setole morbide. Dopo altri 10 minuti tamponate la macchia con un panno imbevuto con dell'acqua, dopo circa 15 minuti prendete della carta assorbente e rimuovete il bicarbonato. 

Se il capo si macchia con dell'acqua occorre intervenire immediatamente basta munirsi di un panno con il quale tamponare la zona macchiata evitando di fare pressione altrimenti l'acqua penetra all'interno. Dopo questo procedimento, aspettate che si asciughi da sola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lecco celebra il patrono San Nicolò

  • Ristoratori egiziani donano l'incasso all'ospedale di Lecco: «Il nostro grazie alla vostra sanità»

  • Tragico incidente sull'A9: morto Claudio Zara, Direttore Sanitario di Synlab San Nicolò Como e Lecco

  • Gli occhi della Prefettura sul "Cermenati": messi i sigilli con "un'antimafia" al bar del centro

  • Bimba nasce prematura in casa, intervento dei soccorsi a Vendrogno

  • Nuovo digitale terreste 2020: cosa cambia per gli utenti

Torna su
LeccoToday è in caricamento