Come aprire un'azienda agricola a Lecco

Aprire un'azienda agricola può essere complicato. Ecco una pratica guida per coloro che intendono avviare un'attività in questo settore

Per aprire un'azienda agricola è necessario rispettare alcuni passaggi burocratici. Si tratta sicuramente di una scelta che richiede impegno e dedizione, una decisione che può richiedere importanti investimenti. Pertanto è necessario avere ben chiaro cosa è un'azienda agricola e seguire i passi giusti, dopo aver fatto chiarezza su alcuni concetti.

Per prima cosa occorre aprire una partita Iva, registrare la nuova attività presso la Camera di Commercio nel Registro delle Imprese e aprire una posizione Inps o Inail. Nel caso in cui si intenda avviare anche una vendita diretta di prodotti agricoli, sarà necessario richiedere un'autorizzazione sanitaria all'Asl. Requisito indispensabile è inoltre il titolo IAP (Imprenditore Agricolo Professionale) riconosciuto dalla Regione.

Come ottenere titolo IAP

Per ottenere il titolo IAP occorre:

  • possesso di specifiche conoscenze agricole, certificate da un diploma o da una laurea in agraria oppure da un'esperienza nel settore di almeno 3 anni o ancora dalla partecipazione a corsi regionali;
  • l'attività agricola deve rappresentare almeno il 50% del proprio lavoro e almeno il 50% del reddito.
  • iscriversi alla gestione previdenziale agricoltura.

È possibile avanzare richiesta per ottenere il titolo IAP presso gli Uffici della Provincia. Non è necessario possedere tutti i requisiti al momento della presentazione della domanda (possono essere infatti perseguiti entro i due anni successivi).

Una volta ottenuto il titolo, si può iniziare a progettare l'attività agricola stabilendo quali caratteristiche dovrà possedere e valutando:

  • dimensioni dell'azienda;
  • forza lavoro necessaria;
  • terreno adatto;
  • mercato, concorrenza, stima dei redditi futuri, canali di distribuzione a cui appoggiarsi.

Costi per avviare un'attività agricola 

Prima di avviare un'attività agricola, è bene considerare quali sono i costi iniziali da sostenere: costo del commercialista, contributi INPS, costi per i macchinari, i quali variano a seconda della tipologia di attività, tasse. 

È possibile godere di diverse agevolazioni che possono ridurre, anche notevolmente, i costi di partenza. I contributi possono essere soggetti a variazioni a seconda del periodo o dell'ente erogatore. Il consiglio è di seguire tutti i siti istituzionali del settore

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per avere una informazione sempre puntuale e precisa è bene avere sempre a portata di mano i siti della 'Coldiretti sezione Giovani', della 'Confagricoltura' e della Commissione Europea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba ha fretta di nascere, donna partorisce nel tunnel del Monte Barro

  • Olginate: trovato in fin di vita, ciclista muore lungo l'alzaia

  • Giornata flagellata dal maltempo: una quarantina di interventi nel territorio

  • «La vostra sanità funziona e ci ha aiutati», ristoratori egiziani devolvono nuovamente il loro incasso all'ospedale

  • Coronavirus, il punto: nessun caso di positività nel Lecchese, boom di guarigioni

  • Un panino di due metri e un "bollicine" di 9 litri, festa a San Giovanni per il barista Willy

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento