Come aprire una partita IVA?

Come aprire una partita IVA e quanto costa: ecco tutte le informazioni necessarie per chi intende avviare un'attività

Per aprire una partiva IVA, ci sono diversi fattori da considerare, e non sempre si hanno a disposizione tutti gli elementi per fare una scelta consapevole. 

Prima di tutto si dovrà valutare il regime più indicato tra quello forfettario e quello ordinario, la cassa professionale cui iscriversi e il codice ATECO della propria attività, cercando di capire se vale o meno la pena aprire una partita IVA. È bene analizzare anche le differenze tra i vari regimi fiscali, valutare i costi che implica la creazione di una partita IVA, le procedure burocratiche per l’apertura e il mantenimento. 

Aprire una partita IVA

- Regime ordinario. Una partita IVA con regime ordinario può essere aperta da chiunque voglia avviare un’attività professionale o un’attività produttiva. Chi vuole intraprendere questa strada deve sottostare a diversi obblighi di natura contabile, amministrativa e burocratica.

In caso di apertura di partita IVA per ditta individuale, per esempio, ci si dovrà iscrivere al Registro delle Imprese; effettuare liquidazione e versamenti IVA; tenere i registri contabili. Non va dimenticato che c’è l’obbligo di utilizzo della fatturazione elettronica, oltre all'iscrizione alla gestione separata INPS; l’iscrizione all’INAIL per l’assicurazione obbligatoria e il pagamento di IRPEF E IRAP. 

- Regime forfettario. Questo tipo di regime gode di diverse agevolazioni, come un regime contabile semplificato e un regime fiscale con aliquota unica. Chi ha una partita IVA con regime forfettario quindi, pagherà il 15% di imposte su una base imponibile calcolata in maniera forfettaria. Le partite IVA con refime forfettario inoltre, non hanno obbligo di fatturazione elettronica. 

Ovviamente, non tutti i professionisti possono accedere al regime forfettario: la legge, infatti, prevede un limite reddituale massimo di 65 mila euro annui e diverse cause ostative.

Sia le partite IVA in regime ordinario che quelle in regime forfettario, dovranno effettuare l’iscrizione obbligatoria ad una cassa previdenziale.

Come aprire una partita IVA?

L’apertura della Partita IVA viene effettuata presso la sede competente dell’Agenzia delle Entrate entro 30 giorni dall’inizio dell’attività professionale. In seguito alla presentazione della modulistica richiesta, l’amministrazione fiscale provvederà ad assegnare il codice di 11 cifre utile a riconoscere il contribuente. Per aprire la partita IVA si dovranno compilare i modelli AA9/12 o AA7/10, indicando il codice ATECO della propria attività. I moduli poi, una volta compilati, possono essere riconsegnati a mano, inviati via raccomandata con ricevuta di ritorno o per via telematica grazie al software messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Lombardia torna in zona rossa, cosa si può fare e cosa no

  • Doppia tragedia sui monti che circondano il Lecchese: morti due uomini a Brumano e sul San Primo

  • Rintracciati i due minori che si erano allontanati dalle proprie case di Verderio e Paderno

  • Calolzio: scoperta società legata alla malavita, il Prefetto De Rosa la chiude

  • Cadavere nell'Adda: si tratterebbe della donna scomparsa due giorni fa

  • Coronavirus, i dati dell'Asst: pressione stabile su "Manzoni" di Lecco e "Mandic" di Merate

Torna su
LeccoToday è in caricamento