menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gli animali e il caldo: ecco i consigli dell'ATS Brianza

Come affrontare al meglio il caldo con i nostri animali? Vediamo quali sono i comportamenti da adottare per proteggere i nostri amici a quattro zampe

L’estate e le alte temperature causano possibili pericoli non solo per la nostra salute, ma anche per quella dei nostri amici a quattro zampe. Dobbiamo quindi mettere in atto alcuni comportamenti finalizzati proprio a proteggere i nostri animali dal caldo e dai rischi che ne derivano. 

Vediamo quali sono i consigli dell’ATS Brianza e del Dr. Attilio Besana, Responsabile del Servizio Igiene Allevamenti Produzioni Zootecniche del Dipartimento Veterinario dell’ATS della Brianza. 

Come proteggere gli animali dal caldo 

Con queste ondate di caldo e afa, anche i nostri amici animali hanno bisogno di trovare refrigerio e benessere. Innanzitutto devono sempre avere a disposizione zone ombreggiate, e acqua fresca e pulita, evitando le passeggiate durante le ore più calde della giornata, in quanto aumenterebbe il rischio di colpi di calore. 

Ricordate che anche gli animali, soprattutto nelle zone non pigmentate e glabre, possono subire scottature da sole, quindi vanno protetti sempre con una crema solare

Non lasciare mai un animale incustodito nella propria auto, poiché la temperatura dell’abitacolo sale rapidamente, anche con i finestrini aperti, trasformando la vettura in un vero e proprio forno. 

Prestare sempre attenzione al “colpo di calore” che si potrebbe presentare nei piccoli animali con alcuni sintomi premonitori: respiro affannoso, ansimante, sete estrema, vomito frequente, gengive  pallide, saliva densa, aumento frequenza cardiaca e perdita elasticità della pelle che rimane in pliche se sollevata; ciò può aggravarsi in grave insufficienza respiratoria, convulsioni e coma. 

Se l’animale è in difficoltà e non c’è la possibilità di un  immediato intervento veterinario va portato subito in un luogo fresco e ombreggiato. Si deve abbassare la temperatura interna del cane o del gatto, immergendolo delicatamente  in una vasca con acqua fresca o bagnandolo con uno straccio se siete in passeggiata su testa, collo, ascelle e inguine. Rivolgetevi  poi ad un veterinario per eventuali altri  accertamenti e per le cure del caso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento