menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I cumulonenbi nella splendida foto di Alessia Scaglia

I cumulonenbi nella splendida foto di Alessia Scaglia

I "Cumulonembi" sul lecchese: cosa sono e perchè si formano

Le nuvole hanno assunto una forma particolare nella serata di mercoledì 9 agosto

La giornata di mercoledì 9 agosto è stata caratterizzata da un'instabilità meteorologica decisamente accennata. Pioggia e sole si sono alternati durante tutta la giornata, fornendo anche alcuni fenomeni molto appaganti per la vista. Sopra la Valcava, che si trova nel comune di Torre de' Busi, si sono infatti formati dei particolari cumuli di nuvole, chiamati "cumulonembi".

Cumulonembi: cosa sono e perchè si formano (da centrometeo.com)

E’ una categoria di nubi del tutto particolare, perché generazione ed evoluzione sono legate prevalentemente ai processi convettivi, cioè a notevoli movimenti ascendenti e discendenti dell’aria secondo una componente verticale. Infatti, a differenza delle nubi stratificate, queste nuvole si formano grazie alla rapida ascesa di aria calda, che viene portata fino e sei, otto e persino oltre 10 km di altezza.

Si parla allora di cumulonembi. Nei temporali più violenti si può arrivare anche a oltre 12000 metri, fino a “sfondare” la Tropopausa penetrando nella Stratosfera. La struttura delle nubi è tipica nella parte superiore, che è liscia o appiattita, striata o fibrosa e spesso assume la forma d’incudine.

Nella parte inferiore i cumuli sono grigi, spesso tendenti al grigio intenso; la loro base è relativamente piatta, si presenta scura, frastagliata e piovosa e segna il livello di condensazione. Con “torri” e cupole, a forma di giganteschi cavolfiori, queste nubi brillano spesso alla luce solare d’un bianco splendente. Sono quindi le più maestose tra tutte le nubi, con uno sviluppo verticale enorme simile a una grande torre o montagna.

I cumuli generalmente si formano nel tardo mattino (specialmente nel semestre caldo) e se ci sono condizioni instabili (tipicamente aria fredda in quota e/o fronte freddo in arrivo), si possono trasformare in cumulonembi, che segnalano l’arrivo dei temporali. Nella parte superiore sono formati da cristalli di ghiaccio, in basso invece da minute goccioline d’acqua. I cumulonembi sono le tipiche nuvole temporalesche e sono le sole che producono scariche elettriche. Da esse cade sempre pioggia e, quando il colore è giallo-verde, ci saranno sicuramente delle grandinate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Attualità

Lecco e la Lombardia da oggi tornano in zona arancione: in vigore nuovi divieti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento