Arriva anche sul Lecchese la neve a bassa quota: scatta l'allerta

Fronte freddo in transito sul nostro territorio nella giornata di domenica. La Protezione civile ha emesso un bollettino di colore giallo (rischio ordinario) fino a mezzanotte. "Imbiancate" anche in settimana

Finalmente la neve dovrebbe arrivare anche a basse quote. E scatta l'allerta. La Protezione civile di Regione Lombardia ha infatti emesso un bollettino di colore giallo ("rischio ordinario") che scaterà alla mezzanotte del 27 gennaio e durerà fino alla mezzanotte del 28.

Per tutta la giornata di domenica, dunque, anche il territorio di Lario e Prealpi lecchesi e comasche sarà interessato, come l'intera Lombardia, da un fronte freddo in arrivo dal Nord Europa, che porterà pioggia e neve anche nei giorni successivi, spostandosi gradualmente verso Sud.

Nel corso della settimana alle porte, però, la neve farà capolino più volte, alternandosi al sole: mercoledì e, con maggiore intensità, nella giornata di venerdì. Le temperature massime crolleranno a eccezione di martedì e mercoledì, in cui sul Lecchese dovrebbe verificarsi un temporaneo miglioramento.

La sintesi meteorologica

Domani, domenica 27/01, dal primo mattino deboli o molto deboli precipitazioni a partire dai settori occidentali, in estensione sparsa verso Est in giornata anche ai restanti settori. Maggiormente interessati i settori alpini, prealpini e settori di alta pianura, dove nel pomeriggio le precipitazioni tenderanno a essere diffuse. In serata poi in attenuazione e in esaurimento a partire dai settori nordoccidentali. Limite neve inizialmente attorno a 600 metri, quindi in abbassamento nel corso del pomeriggio-sera, con possibile neve/nevischio/pioggia mista a neve fino a quote di pianura. Su fascia alpina, prealpina e Appennino accumuli di neve tra i 600 e i 1.200 metri mediamente compresi tra 3-10 cm, dove i valori più elevati fanno riferimento ai settori Retici di confine, in particolare Alta Val Chiavenna. Sui settori pedemontani e parte di alte pianure, sotto i 600 metri accumuli al più attorno a 1-2 cm. Sui restanti settori di Pianura e sulla fascia collinare dell'Oltrepò Pavese accumuli al suolo mediamente inferiori a 1 cm.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella notte tra domenica e lunedì 28/01 residue precipitazioni sui settori Retici di confine e su parte dei settori orientali della regione, in particolare fino al mattino possibili ancora su basso mantovano, con limite neve fino al suolo. Altrove assenti o occasionali.

Febbraio 2017: Lecco nella stretta del "Burian"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viveva legata a un calorifero: le guardie ecozoofile salvano il pitbull Maya

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Covid-19, i numeri del "Manzoni": occupato l'ottanta per cento dei posti nei reparti ad-hoc. Piena la terapia intensiva

  • Ferrovie, sulla Milano-Lecco debutta il treno Caravaggio: «Investimento triennale da un miliardo e mezzo»

  • Ordinanza regionale sotto accusa, Gattinoni: «Ci era stata consegnata una bozza diversa per la Dad»

  • Coronavirus, il punto: sessanta casi nel Lecchese. «Situazione critica, i cittadini possono fare la loro parte»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento