Cercasi disperatamente il barbagianni Eolo

Il volatile, di proprietà di una signora di Sirtori, è disperso da un paio di settimane. Un esemplare simile è stato appena avvistato in centro Calolzio. La ricerca continua

Eolo, l'esemplare di barbagianni disperso a Sirtori.

Cercasi barbagianni disperatamente. Eolo - questo il nome del bell’esemplare disperso da un paio di settimane - appartiene a una signora residente a Sirtori, nella frazione Bornò. Un uccello simile è stato avvistato l’altra sera in centro Calolziocorte, riaccendendo così la speranza di ritrovarle Eolo e consegnarlo a Barbara, la legittima proprietaria.

Ecco le caratteristiche del barbagianni

«Stavo abbassando la tapparella, quando nel giardino privato sottostante casa mia ho notato questo volatile di colore bianco, molto bello e insolito, con una grande apertura alare - racconta Pamela Maggi, residente in una palazzina nei pressi di piazza Vittorio Veneto - Dopo pochi secondi ho subito capito che non si trattava del solito piccione. A un tratto si è alzato in volo andando in un altro giardino. Allora ho deciso di lanciare un appello su facebook per vedere se appartenesse a qualcuno. Mi hanno segnalato che una signora residente a Sirtori stava cercando il suo barbagianni da diversi giorni. Non ne abbiamo la certezza, ma dalla descrizione potrebbe essere lui. Speriamo di aiutare la sua proprietaria a ritrovarlo».

Se qualcuno dovesse avvistare un insolito volatile con queste caratteristiche, magari proprio in centro Calolzio, può scrivere sul gruppo “Sei di Calolzio se…” o scrivere alla mail della nostra redazione redazione@leccotoday.it e noi provvederemo a informare la signora Barbara.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Spero proprio di ritrovare il mio barbagianni Eolo, che era con noi da circa tre anni - racconta la signora di Sirtori - Per riconoscerlo posso dire che oltre al colore bianco, ha due cinturini di cuoio alle zampe. Siamo molto affezionati a questo esemplare, anche perché ora abbiamo anche una femmina e due cuccioli e ci piacerebbe riunirli. La distanza con Calolzio è abbastanza elevata, non è detto possa trattarsi di lui. Ma stando alle descrizioni una speranza c’è. Se qualcuno lo nota di nuovo può avvisarci, oppure chiamare la Guardia Forestale visto che la scomparsa è stata denunciata. Speriamo di ritrovarlo al più presto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto in valle San Martino per la scomparsa a 54 anni del dentista Roberto Carrara

  • Ottanta pecore dirette in alpeggio cadono e annegano nel torrente

  • Viveva legato sul balcone: cagnolino tratto in salvo dalle guardie ecozoofile

  • Lutto nell'alpinismo: addio a Matteo Pasquetto, grande amico dei Ragni Lecco

  • Turismo: tampone entro 48 ore per chi rientra da Spagna, Croazia, Malta e Grecia

  • Travolti e uccisi da una frana in Valmalenco: il padre della bimba ricoverato al "Manzoni"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento