Notizie

L'opera dell'artista calolziese Emanuele Iob esposta a Bergamo Alta per il Sinodo dei giovani

Il quadro si intitola "In Viaggio" ed è stato presentato a Rossino alla presenza del parroco don Luciano Tengattini e di Eugenio Guglielmi, rettore del museo Don Carlo Villa

La presentazione, a Rossino, dell'opera di Emanuele Iob dedicata al "Viaggio".

In concomitanza con il “Sinodo dei Giovani” che si terrà a Roma dal 3 al 28 ottobre, la Rete dei Musei Ecclesiastici della Diocesi di Bergamo sta realizzando un progetto attraverso il museo Diocesano Adriano Bernareggio, il Museo della Basilica di Gandino, il Museo d’Arte e Cultura Sacra di Romano di Lombardia e il Museo Parrocchiale Don Carlo Villa di Rossino di Calolziocorte. Il titolo “Si, viaggiare” è una proposta che vede vari giovani riflettere sul tema del viaggio come avventura del mondo, metafora della vita viaggio interiore. Ogni museo ha scelto un artista del territorio mettendolo a disposizione per predisporre un'opera dedicata al “Viaggio”. Il lavoro sarà esposto dal 6 sei al 19 ottobre presso il singolo Museo e dal 20 ottobre al 4 novembre, insieme alle altre opere della Rete diocesana, in Bergamo Alta nei pressi della prestigiosa chiesa del Carmine sulla via Colleoni, lungo l’antica via “Corsaröla”. Il progetto è stato presentato venerdì 21 settembre alla Comunità parrocchiale di Rossino, nella suggestiva chiesa quattrocentesca di San Lorenzo Vecchio.

Era presente l’artista Emanuele Job, scelto dalla dalla commissione museale per l’esecuzione dell’opera. L’introduzione all’iniziativa, con la partecipazione di un numeroso pubblico, è stata fatta dal Rettore del Museo Don Carlo Villa, architetto Eugenio Guglielmi. Presente inoltre il Presidente dello stesso Museo, don Luciano Tengattini, parroco di Rossino. Guglielmi ha sottolineato come questa occasione «abbia permesso di mettere in evidenza un artista locale di valore, Emanuele Job, nello spirito delle iniziative che la Collezione  Museale si prefigge nei confronti del suo territorio di appartenenza».

Il pubblico è poi intervenuto con particolari riflessioni personali sull’opera presentata, che ritrae un personaggio in cammino nel deserto, rappresentato solo dalle gambe che incedono verso un orizzonte misterioso, richiamo evangelico ma anche legato all’umanità tutta. Un particolare ringraziamento va a tutti gli operatori del Museo Don Carlo Villa, in particolare al segretario Paolino Valsecchi, alle commissarie Chiara Valsecchi e avvocato Giusi Mosconi. L’opera di Job sarà inoltre esposta ai fedeli anche presso la parrocchia di San Lorenzo sabato 13 e domenica 14 ottobre, prima di partire per la presentazione bergamasca. La tavola ad olio sarà quindi donata al Museo rossinese, dove entrerà a far parte permanente delle collezioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'opera dell'artista calolziese Emanuele Iob esposta a Bergamo Alta per il Sinodo dei giovani

LeccoToday è in caricamento