menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il drone del videomaker professionista lecchese Luca Raffaele. Presto sarà presentato anche quello in dotazione alla Polizia locale di Calolziocorte.

Il drone del videomaker professionista lecchese Luca Raffaele. Presto sarà presentato anche quello in dotazione alla Polizia locale di Calolziocorte.

Controlli in stazione e rilievi degli incidenti, drone pronto ad alzarsi in volo su Calolzio

A giorni verrà attivato il nuovo strumento aereo in dotazione alla Polizia locale. L'assessore Caremi: «Ci aiuterà a monitorare meglio il territorio per garantire maggiore sicurezza»

Restano solo da definire gli ultimi dettagli relativi all’assicurazione, poi si alzerà in volo. A Calolziocorte nel giro di un paio di settimane sarà operativo il nuovo drone a servizio della Polizia locale. La scelta di acquistarlo è stata presa dalla precedente Amministrazione guidata da Cesare Valsecchi, e ora il nuovo assessore alla Sicurezza Luca Caremi si è subito attivato per definire modalità e obiettivi del suo utilizzo.

Il drone, un modello DJI Phantom di colore bianco costato circa 1.000 Euro, servirà per monitorare il territorio con foto e immagini riprese dall’alto, e verrà utilizzato in particolare per controllare le aree più a rischio della città, a partire da quella della stazione ferroviaria dove anche di recente si sono verificati episodi di degrado e microcriminalità. Ma non solo. Il piccolo apparecchio volante pilotato da terra verrà utilizzato anche per i rilievi degli incidenti stradali e per contrastare eventuali abusi edilizi.

Pericoli e degrado in zona stazione

«Abbiamo appena avuto con una riunione con il sindaco Marco Ghezzi e con il comandante della Polizia locale Andrea Gavazzi per definire una serie di azioni per garantire maggiore sicurezza sul territorio - commenta Luca Caremi - Verrà fatto un sopralluogo e potenzieremo i controlli nella zona della stazione e dell’interscambio, anche con l’utilizzo del drone, verificando così i movimenti che ci sono ed eventuali situazioni di pericolo. Presto lo testeremo con alcuni voli in zona Lavello. La novità importante riguarda la possibilità di effettuare i rilievi di incidenti utilizzando proprio il drone. Con questo strumento si ottengono dati più completi e utili, velocizzando anche le operazioni di verifica, rispetto, per esempio, alle misurazioni a terra con il gessetto. Abbiamo insomma in mente vari utilizzi del drone - continua l’assessore a Sicurezza e Trasporti - Alzandosi in volo il drone potrà riprendere, con immagini e foto dall’alto, anche eventuali costruzioni illegali o abusi edilizi». Presto l’Amministrazione di Calolziocorte terrà una conferenza stampa per presentare nei dettagli come verrà utilizzato il drone, probabilmente il primo operativo in provincia di Lecco in dotazione a un Comune per controlli del territorio e per la sicurezza.

Sotto l'assessore alla Sicurezza Luca Caremi e la stazione ferroviaria di Calolzio. L'area dell'interscambio, dopo gli espisodi di degrado e microcriminalità, sarà una di quelle monitorate con il drone.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento