menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Don Matteo Bartoli, coadiutore dell'oratorio di Calolzio.

Don Matteo Bartoli, coadiutore dell'oratorio di Calolzio.

I ragazzi dell'oratorio estivo in gita nei negozi: «Riscopriamo l'artigianato e i suoi valori»

Originale iniziativa a Calolzio con il "CRE all'opera". Don Matteo: «Stiamo conoscendo tanti bravi artigiani della nostra città. Lavoro e creatività conquistano i più giovani»

I ragazzi del CRE alla scoperta dei lavori artigianali. L’originale iniziativa per avvicinare i più giovani al mondo del lavoro, a partire da quello delle botteghe cittadine e degli antichi mestieri, è stata promossa dalla parrocchia di San Martino Vescovo di Calolzio, e in particolare dal coadiutore dell’oratorio don Matteo Bartoli in accordo con alcuni artigiani cittadini. Insieme a gite, giochi, giornate in compagnia e momenti di preghiera caratteristici degli oratori estivi, anche la novità di questa attività che si sta concretizzando proprio in questi giorni.

«Abbiamo chiamato l’iniziativa Cre all’opera, facendo riferimento al tema più generale dell’oratorio estivo 2018 - spiega don Matteo - parlando di creatività e manualità i ragazzi hanno incontrato dei veri maestri, ognuno con la propria arte. Grazie a Valentino Riva con la sua legatoria, a Gianni Bolis, noto artista calolziese, a Marco Di Ubaldo per il suo lavoro di scoperta del Thè, e a Fernando Bruno bravissimo tappezziere. I partecipanti hanno dimostrato interesse ed è stata davvero una bella esperienza per conoscere e imparare sul campo. Settimana prossima visiteremo altri laboratori».

Bambini e ragazzi iscritti al CRE di Calolzio, in totale 110 delle scuole elementari e medie, si turneranno per raggiungere anche le attività di Ignazio Albanese (negozio di cornici di via Galli), Cristina Valsecchi (pasticceria Cris e gelato artigianale), Olivia Rondalli (fiorista) e Patrizia Milani (insegnante, artista e disegnatrice).

Allarme negozi che chiudono: «Salviamo l'artigianato»

Soddisfatti dell’iniziativa anche gli artigiani. «Continuiamo a credere che il mestiere sia una “qualcosa da giovani”, che l’artigianato sia l’anello di congiunzione tra l’arte e il lavoro e vada mostrato, toccato, annusato, vissuto - ha commentato su Facebook Valentino Riva, ideatore dell’associazione Laboratorio 7 e promotore di importanti iniziative di artigianato sociale - Finchè ci sarà anche un solo bambino interessato a scoprire la magia di una bottega, i mestieri avranno un futuro. Grazie al CRE di Calolzio che ci crede, come noi». Insieme all’artigianato spazio anche alle gite fuori porta e a quelle ai parchi acquatici, coinvolgendo tutte le parrocchie calolziesi. L’anno prossimo potrebbe esserci un CRE unitario con tutti gli oratori cittadini.

Sotto la visita dei ragazzi del Cre ad alcuni laboratori artigianali di Calolziocorte.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Attualità

Quando farò il vaccino? Il sito che calcola quanto dovrai aspettare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento