menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Angelo Fontana, volto simbolo della Polisportiva di Monte Marenzo, e il prevosto di Lecco monsignor Franco Cecchin.

Angelo Fontana, volto simbolo della Polisportiva di Monte Marenzo, e il prevosto di Lecco monsignor Franco Cecchin.

La Polisportiva premia monsignor Cecchin, il "Don Matteo" di Lecco

Consegnato al prevosto, che presto saluterà la città, un trofeo dedicato alla sua passione per la bicicletta. Fontana: «Gli siamo riconoscenti per la sua umanità e l'impegno sociale»

La Polisportiva di Monte Marenzo omaggia monsignor Franco Cecchin, "il Don Matteo di Lecco", consegnandoli pubblicamente un trofeo raffigurante un ciclista, simbolo della passione che il prevosto di Lecco ha sempre per la bicicletta. Una passione che lo accomuna al celebre personaggio interperato da Terence Hill nella fiction Rai. L’associazione guidata da Renato Caroli, e in particolare il settore sociale della Polisportiva diretto da Angelo Fontana, ha voluto ringraziare così Cecchin per l’impegno messo in campo a favore di giovani e anziani, collaborando in importanti iniziative di caattere sociale appunto, come quella per sensibilizzare la popolazione sul dramma dei tanti, troppi incidenti stradali che flagellano anche il nostro territorio.

Il riconoscimento è stato consegnato al prevosto dopo la messa pomeridiana di domenica nella basilica di San Nicolò piena di fedeli che hanno applaudito l'iniziativa della Polisportiva e l'operato di Cecchin. Felicissimo, e anche un po’ commosso, il sacerdote che tra poco lascerà l’incarido di prevosto a monsignor Davide Milani. Franco Cecchin ha ringraziato la Polisportiva per l’omaggio e per le belle parole dette da Fontana.

Monsignor Davide Milani nuovo prevosto di Lecco al posto di Cecchin

«Vogliamo salutare con riconoscenza monsignor Cecchin, in partenza per una nuova missione pastorale a Milano - ha esordito Angelo Fontana, noto anche per essere stato tra i promotori di Telethon nella provincia di Lecco - Lo vogliamo ringraziare per molte ragioni, ma soprattutto perché a Lecco ha svolto la sua missione di pastore con grande umanità, attento a tutte le tematiche del nostro tempo: dai giovani agli anziani, dagli ammalati agli ultimi. Da 10 anni, il primo venerdì del mese di maggio, immancabilmente celebra la messa denominata “Per le vie delle Croci”, in ricordo delle vite spezzate sulla strada, con un pensiero rivolto anche al suo caro fratello deceduto in un incidente a soli 21 anni. Andavamo in piazza Cermenati alle 18.30, con la partecipazione di istituzioni, istituti scolastici, parenti ed amici, sono stati momenti importanti e toccanti. Dalla Basilica, dopo la messa  del 1° dell’anno per 10 anni, come responsabile della Polisportiva (area sociale) di Monte Marenzo, l'ho sempre accompagnato all’ospedale Manzoni per la cerimonia di investitura dei piccoli nominati dall’Unicef di Lecco ambasciatori di pace. Poi dava la benedizione al bambino, o bambina, primi nati dell’anno, coinvolgendo tutti presenti, la mamma, il papà il primario del reparto e tutte le infermiere. Lo ringraziamo con affetto per il sorriso che ha sempre offerto ad ogni abitante della città di Lecco, il suo sorriso quando va in giro per la citta con la sua bicicletta.  Per questo - ha aggiunto Angelo Fontana  - Noi della Polisportiva lo vogliamo salutare cosi, con questo dono simbolico che terrà con sè quando sarà a Milano. Guardando questo piccolo trofeo, con la scritta Monsignor Franco Cecchin, il don Matteo di Lecco, ricorderà la sua permanenza a Lecco. A Milano, forse, rimpiangerà un poco le sue belle passeggiate in bicicletta nella nostra città Manzoniana». Parole molto apprezzate, che hanno toccato il cuore del prevosto e strappato gli applausi dei fedeli.

Nelle foto, la premiazione di monsignor Franco Cecchin in basilica a Lecco, e il trofeo "ciclistico" consegnato da Angelo Fontana al prevosto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento