menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presepe di carta del Lavello.

Il presepe di carta del Lavello.

"Rapita" statuina del presepe, il disappunto dei volontari

Da qualche giorno al Lavello è sparita la sagoma del cane degli zampognari. «Nulla di tragico, ma è giusto segnalare la stupidità del gesto. Chi l'ha preso lo riporti»

Da qualche giorno è sparita dal presepe del Lavello la sagoma raffigurante un cane pastore. Un piccolo atto vandalico, un furto o uno scherzo di cattivo gusto? Il dato di fatto è che i volontari del "Centro culturale Il Lavello" che hanno allestito con passione questa natività di carta della tradizione bergamasca negli spazi vicini al monastero sono comprensibilmente risentiti per l'accaduto.

Al Lavello il presepe di carta della tradizione bergamasca

«Hanno rapito il cane degli zampognari? Escludiamo una fuga volontaria - ironizza Loredana Valsecchi in un post pubblicato sui social - Se qualcuno avesse "accolto" questo personaggio del nostro presepio da sotto il portico del santuario è pregato di riportarlo».

La stessa volontaria ci ha poi spiegato: «Questa "statuetta" era già stata staccata dalla base alcuni giorni fa e lasciata sul posto. Riavvitato, il cane è poi sparito. Abbiamo chiesto se qualcuno l'avesse preso per sistemarlo, ma nulla di tutto ciò. Qualcuno l'ha fatto sparire volontariamente dalla natività che abbiamo allestito al Lavello. Senza farne una tragedia - conclude Loredana Valsecchi - mi sembra comunque utile fare notare la stupidità del gesto».

Vercurago, i giovanissimi portano in scena il presepe vivente

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento