rotate-mobile
Notizie Abbadia Lariana

Quella storica foto dei due attori uniti dalla passione per le risate e il lago

Due volti noti del Drive In e di Zelig riscoperti da "Abbadia di una volta". I loro impegni attuali tra scrittura, musica e teatro

"La barba era ancora nera..", "Questo è un reperto archeologico. Correva l'anno 1987. Incredibile coincidenza..." Stupore misto a goliardico compiacimento da parte di chi è abituato a stare sui palchi sotto la luce dei fari riflettori. Il primo nelle dichiarazioni è Enrico Beruschi nella condivisione di uno scatto con l'amico collega, Alberto Patrucco. Accomunati da una foto che li ritrae nel 1987 impegnati nelle loro performance da comici e soprattutto da una passione per il lago e i comuni di Abbadia e Mandello dove i due noti attori (comici e non solo) si sono esibiti in più occasioni e dove il celebre volto del mitico Drive In è venuto a lungo in villeggiatura.

L'amarcord: correva l'anno 1987

La scoperta dell'amarcord è stata fatta e postata in questi giorni dal sito "Abbadia di una volta", portale votato a mostrare il passato legato a persone e fatti del centro lacustre, e in questo specifico, ai  due personaggi dello spettacolo nel contesto di una loro partecipazione ad un evento organizzato dal locale Centro sport, molto attivo in paese. A distanza di anni da quel lontano 1987, Beruschi e Patrucco pur su strade diverse non hanno mai lasciato quel mondo che li ha portati fin da giovani alla notorietà.

La riscoperta di Abbadia di una volta.

Beruschi di recente alla ribalta anche su Striscia

Un mondo legato alle risate e al cabaret (Patrucco ha partecipato a Zelig e Colorado caffè), ma non solo. L'Enrico nazionale, l'ex ragioniere del biscottificio valtellinese, dal bancone di Striscia la notizia alla regia di opere liriche non ha mai smesso di calcare il palcoscenico. E in diverse interviste o eventi pubblici non scorda mai di citare i suoi amori lacustri. In un articolo sul recente problema della siccità pubblicato sul Giorno, Beruschi scrive... "I paesi della riviera se lo ricordano; in particolare Mandello, sotto i portici della gelateria in piazza dell'Imbarcadero, sono incisi su pietra i livelli raggiunti dal lago nel secolo scorso. Ricordo la signora Neva di Abbadia, che mi raccontava che a Pasqua poteva capitare di recarsi in chiesa in barca per via del disgelo primaverile".

Patrucco riscopre Brassens e sarà presto a teatro

Dal Beruschi giornalista ad Alberto Patrucco che oggi riscopre Georges Brassens autore da cui traduce le sue canzoni dal francese all'italiano, ne fa un libro dal titolo "Abbrassens" e un disco di imminente uscita. E da uomo da palcoscenico quale è sempre stato dal 12 al 16 aprile sarà presente con le sue performance narrative musicali al Teatro della cooperativa di via Hermada 8 a Milano. Attualmente i nostri due cari uomini di spettacolo con una barba non più nera, e 36 anni di distanza da quella apparizione sul lago ad Abbadia Lariana, per loro nulla è cambiato nel dare il meglio della loro artisticità ad un pubblico che ancora li adora e li applaude.

(Si ringrazia Alberto Bottani per la collaborazione)
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quella storica foto dei due attori uniti dalla passione per le risate e il lago

LeccoToday è in caricamento