menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Don Vittorio salutato dai parrocchiani di Abbadia

Don Vittorio salutato dai parrocchiani di Abbadia

La comunità di Abbadia Lariana saluta il parroco don Vittorio Bianchi

Si sono concluse domenica le celebrazioni di San Lorenzo, coincise con il commiato al sacerdote che lascia il paese dopo nove anni per trasferirsi a Visgnola di Bellagio

«Affezionati alla sua umanità. Noi preti siamo come le sementi in balia del vento». Così monsignor Bruno Fasani, giornalista, volto televisivo, direttore della rivista mensile "L'Alpino", ha salutato l'amico don Vittorio Bianchi, concelebrando la messa delle 17.30 di martedi scorso. Presenti nella parrocchiale di San Lorenzo le Penne Nere di Mandello e Abbadia. I saluti all'indirizzo del parroco in partenza per la nuova destinazione come collaboratore in Visgnola di Bellagio, hanno avuto la loro apoteosi domenica 11 agosto alla funzione delle 10.30.

«Io mi auguro in questi nove anni di essere cresciuto con voi nella fede. Chiedo scusa se in questo periodo non sono riuscito a incontrare tutte le vostre esigenze» ha dichiarato don Vittorio. Al termine della messa, le voci della comunità. Il cuore pulsante di Abbadia e Crebbio. «Grazie don Vittorio per averci fatto vivere la gioia del Vangelo, che da uomo di fede hai saputo trasmetterci».

Don Vittorio si appresta a salutare Abbadia, in arrivo don Fabio

Poi la voce dei ragazzi a ringraziare il Don per «aver reso il nostro oratorio Piergiorgio Frassati accogliente e attrezzato. Con tanto affetto un semplice grazie» E da chi partecipa attivamente alle sacre funzioni, i chierichetti: «Siamo fortunati perché vicini al Signore. Ci incontriamo e aiutiamo vicendevolmente». E ancora. Il saluto di Roberto Azzoni, unito in matrimonio più di un anno fa da don Bianchi, oggi primo cittadino. «Un grazie per la tua disponibilità ed entusiasmo e attenzione alla nostra storia e alle nostre radici». Nessuno è mancato a questo appuntamento religioso e conviviale con il pranzo nello spazio del giardino antistante la canonica. Autorità comunali, sacerdoti della comunità pastorale, forze dell'ordine, Protezione Civile e mondo associazionistico del paese. La celebrazione della messa è stata accompagnata dai canti della corale Sant'Ambrogio di Lierna.

(Si ringrazia Alberto Bottani per la collaborazione)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento