L'Aido dona un monitor ai comuni di Olginate e Valgreghentino e promuove il valore del dono anche online

Il gruppo locale presieduto da Ramona Scarpino punta ancora di più sulla comunicazione via internet, a partire dagli uffici Anagrafe dove può essere sottoscritto il Sì

I volontari dell'Aido di Olginate e Valgreghentino e il sindaco Marco Passoni.

Tra le finalità dell’Aido vi è la promozione, in base al principio della solidarietà sociale, della cultura della donazione di organi, tessuti e cellule. Lo ricordano Ramona Scarpino, presidente dell'Aido Valgreghentino Olginate, e Antonio Sartor, presidente dell'Aido provinciale di Lecco, illustrando alcune iniziative messe in campo nell'ultimo periodo sul territorio. L'associazione ha deciso in particolare di puntare sempre più sul web per ricordare a tutti il valore del dono.

Dieci olginatesi positivi al virus in poco più di una settimana

«Ci rendiamo conto in questo momento di particolare eccezionalità e difficoltà dell’importanza che il digitale ha assunto nella nostra vita di tutti i giorni spigano Scarpino e Sartor - Nell’emergenza i canali informativi digitali, attraverso la loro autorevolezza e attendibilità, diventano una fonte indispensabile dai quali andare ad attingere notizie e aggiornamenti. In questa fase storica però, a giocare un ruolo significativo è l’informazione digitale che si basa esclusivamente sull’online. Disporre di differenti canali di comunicazione per poter dialogare in maniera trasparente con i propri volontari e stakeholder rappresenta uno degli obiettivi principali dell’associazione. Per questo Aido si impegna quotidianamente a raccontare ed esporre le novità mediche e legislative legate ai trapianti e raccogliere le testimonianze di chi ha vissuto in prima persona storie di dono».

Volontari in foto come testimonial: «Sottoscrivete l'adesione all'Aido»

Il traguardo raggiunto nella diffusione della cultura del dono nasce anche da un’importante progetto nazionale: "Una Scelta in Comune". L'obiettivo del progetto è quello di raggiungere i cittadini nel luogo dove maggiormente avviene la scelta per la donazione degli organi: gli uffici anagrafici. Da qui la scelta di donare un monitor sia al Comune di Olginate che a quello di Valgreghentino.

Rinnovato il direttido dell'Aido di Olginate e Valgreghentino: Ramona Scarpino presidente

«I monitor, già installati presso le sale antistanti gli uffici Anagrafe, sono collegati via Internet a un server unico gestito in remoto che invierà a tutte le postazioni le informazioni, i testi e le immagini da trasmettere - aggiungono Ramona Scarpino e Antonio Sartor - La gestione del server è in capo all'Aido provinciale, che grazie all’esperienza dei bandi regionali e del servizio civile ha creato una rete fra giovani e scuole. Al fine di rendere interessante, accattivante ma soprattutto autorevole la messaggistica trasmessa in continuazione dai monitor, si intende inserire, oltre ai messaggi informativi sulla donazione degli organi, anche notizie e informazioni provenienti dalle associazioni del territorio e informative da parte dell’ente comunale ai propri cittadini».

Una rete di associazioni per promuovere l'informazione e il "Sì" al dono

Il ruolo delle associazioni aderenti al progetto sarà fondamentale per creare la rete, strutturare il linguaggio da usare per la comunicazione e fornire le notizie da trasmettere. «Il volontariato del dono: è fondamentale, il seme della cultura della donazione è stato gettato e coltivato innanzitutto dal mondo associativo - proseguono i portavoce locali dell'Aido - Ma oggi questo ruolo è ancora più decisivo perché, dopo aver raggiunto la grande conquista della dichiarazione di volontà attraverso la carta d’identità elettronica, abbiamo la necessità di raggiungere davvero tutti gli italiani per far maturare una sensibilità diffusa sulla donazione. Da qui a 10 anni tutti i cittadini si sentiranno rivolgere la richiesta di registrare la loro volontà: il nostro compito è far sì che questa domanda trovi una risposta consapevole, informata e soprattutto positiva. Il percorso di un "Sì" ha  bisogno del coinvolgimento di tutti noi, perché ogni gesto di oggi domani possa essere Vita».

"Scuolaboriamo", da dieci anni a servizio della scuola

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Emergenza Covid: a San Girolamo chiese chiuse e Padri Somaschi in quarantena

  • Oggi a Villa San Carlo i funerali Ugo Gilardi, «Un ragazzo d'oro»

  • Le regole per Natale 2020: cosa succede con gli spostamenti tra regioni, il coprifuoco e il cenone

  • Regione Lombardia, Fontana conferma: «Da domenica saremo in "zona arancione". No al "liberi tutti"»

Torna su
LeccoToday è in caricamento