menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'hospice Il Nespolo di Airuno.

L'hospice Il Nespolo di Airuno.

Continua il prezioso impegno assistenziale dell'Hospice di Airuno, ma calano le donazioni a causa del covid

Illustrate le attività de "Il Nespolo" durante l'assemblea della onlus Fabio Sassi che ha eletto il direttivo. Daniele Lorenzet è il nuovo presidente

Assemblea nei giorni scorsi per la Fabio Sassi Onlus, l'associazione che si occupa della gestione dell'Hospice "Il Nespolo" di Airuno, importante struttura socio assistenziale impegnata nella cura dei malati terminali. Il Presidente uscente Albino Garavaglia ha illustrato l’attività svolta nell’anno 2019, indicando, tra le altre cose, il notevole apporto fornito dai  236 volontari per 25.300 ore, quantificabile economicamente in circa 500.000 euro all’anno.

Fine vita e cure palliative: 252 pazienti assistiti a "Il Nespolo" nel 2019

«È grazie a tutti voi volontari - ha dichiarato Garavaglia - che la nostra associazione può continuare a essere presente sul territorio e vicina ai malati e alle loro famiglie». A questo proposito va rilevato che la “customer satisfaction” si è attestata al 94% a fronte di un obiettivo iniziale del 90%. Per quanto riguarda l’Hospice Il Nespolo, il numero dei pazienti che vi sono transitati è stato di 252 (21 in più rispetto al 2018) mentre le giornate di degenza sono state 3.450 (299 in meno). Questo ha comportato un minore rimborso dal Servizio Sanitario Regionale per circa 79.000 euro.

Hospice "Il Nespolo": ad Airuno dignità e cure anche alla fine della vita

Sono stati presentati e approvati il bilancio 2019 e il preventivo 2020, in linea con l’andamento degli anni precedenti.  Il disavanzo per la gestione dell’Hospice nel 2019 si è portato a circa 366.000 euro. Il ragioniere Giuseppe Borra ha reso noto che nel corso del 2019 è stato revisionato l’impianto di riscaldamento e di distribuzione dell’acqua calda in Hospice dove è stata anche sostituita la caldaia con gruppo doppio in stand by.

Meno donazioni a causa del Coronavirus

«Il 2020 sta registrando una diminuzione del valore delle donazioni a causa del coronavirus che ha visto un impegno dei cittadini in favore delle varie organizzazioni che hanno affrontato la pandemia - hanno fatto sapere i dirigenti dell'associazione - Inoltre pressoché tutte le attività di raccolta fondi, sia quelle organizzate da terzi che quelle promosse direttamente dalla Fabio Sassi, non hanno potuto aver luogo. Sempre a causa della pandemia, sono poi state bloccate tutte le attività di assistenza (in Hospice, a domicilio, a Villa dei Cedri), così come l’attività di accoglienza, ripresa in parte dal mese di  giugno».

Albino Garavaglia ha poi ringraziato il ragionier Borra, Direttore Amministrativo, che termina la sua collaborazione il 30 settembre. Verrà sostituito dal dottor Giacomo Molteni. Durante l'assemblea è stato anche ricordato che, a seguito della pandemia, la Regione Lombardia ha aperto un bando per l’assunzione da parte delle Asst di medici palliativisti, al quale hanno partecipato con successo il Direttore Sanitario Cristina Sesana e la dottoressa Claudia Stucchi. «Ad entrambe - e a tutti gli operatori sanitari - va il nostro ringraziamento, soprattutto per quanto hanno fatto durante la pandemia. In particolare alla dottoressa Sesana , con noi sin dall’apertura dell’Hospice Il Nespolo nel 2002. Verrà sostituita dalla dottoressa Luisa Nervi dal 1° di ottobre».

Spettacolo solidale: con I Legnanesi a Olginate donati oltre 3.500 Euro all'hospice di Airuno

Cinzia Sassi, membro dell’organo dei revisori dei conti, ha quindi  letto la relazione di approvazione della gestione. All’ordine del giorno dell’Assemblea Straordinaria vi era anche l’approvazione della modifica allo Statuto per adeguarlo alla legge 117 del Terzo Settore. Il Notaio Michele Oggioni ha spiegato che non si è ancora insediato l’organismo competente per la successiva iscrizione nel Registro Unico Nazionale del Terzo Settore, quindi non è per il momento consigliabile procedere a tale modifica. I partecipanti all'assenblea della Fabio Sassi onlus hanno quindi votato i nuovi componenti del Cda, procedendo poi alla scelta del nuovo presidente: si tratta di Daniele Lorenzet.

Il nuovo Consiglio di Amministrazione in carica fino al 2022 

Dieci sono stati i volontari che si sono candidati, con quattro nuove candidature: Laura Citterio, Graziano Costa,  Souheir Elidrissi, Maurizio Todeschini. A seguito della votazione, il Cda per il biennio 2020/2022 risulta costituito da: Manuela Arrigoni, Lorenza Bonanomi, Laura Citterio, Souheir Elidrissi, Piera Fiecchi, Albino Garavaglia, Daniele Lorenzet, Giorgio Maternini e Maurizio Todeschini.

I revisori effettivi sono stati riconfermati nelle persone di Ratti Maria, Ripamonti Fabio, Sassi Cinzia, così come i Revisori Supplenti Ratti Lorenzo e Sala Alfredo. Al termine dello scrutinio si è quindi riunito il nuovo Cda che ha eletto Daniele Lorenzet presidente e Giorgio Maternini vice presidente e tesoriere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

I 10 luoghi simbolo di Lecco più amati dai visitatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento