rotate-mobile
Notizie

La scrittura come cura per le ferite: l'esordio letterario di Andrea

Il 43enne lecchese Stefanoni pronto a pubblicare 'Anche i figli son persone' con una campagna di crowdfunding: "Mi serviva fare spazio, comprendere e comprendermi"

Si intitola Anche i figli son persone la prima opera di Andrea Stefanoni, lecchese che per pubblicare ha scelto la via del crowdfunding, una forma decisamente originale in ambito letterario.

Il libro è infatti in rampa di lancio sulla piattaforma Book a Book: l'obiettivo delle 200 copie per poter essere pubblicato non è lontano. "Quando avrò raggiunto il traguardo, inizierà la fase di editing e l'opera uscirà nel prossimo novembre - spiega Stefanoni - Mi serviva fare spazio, comprendere e comprendermi. Ho voluto sfogare dubbi, paure e dolori, capendo che le emozioni sono tutte importanti e vanno vissute, soprattutto quelle brutte. Questo libro è per me una tappa importante all'interno del mio viaggio, fatta di una creatività tutta mia, di emozioni, colori, musica e fantasia. Mi piacerebbe che il lettore, dopo l'ultima parola di questo libro, si fermasse a riflettere. Su cosa? Facile, sulla persona più importante della sua vita: se stesso".

"Volevo scrivere a me stesso"

La passione per la scrittura accompagna da sempre il 43enne lecchese. "Avevo l'esigenza di scrivere qualcosa a me stesso ed è nata una storia strutturata su vari temi, animata da diversi personaggi: si tratta di cinque fratelli e dei rapporti umani fra loro; ognuno infatti è convinto di conoscere l'altro, ma non è proprio così e nel corso della storia scopriranno la loro vera natura. Il libro è incentrato su questo turbinio emotivo".

Andrea Stefanoni

Da dove è giunta l'ispirazione? "Dalla vita di tutti i giorni, dalla vita di altre persone, da libri letti, film e canzoni. La musica, soprattutto: scrivo sempre ascoltando una playlist che mi fornisce l'ispirazione".

Stefanoni (nella foto sopra) vanta un rapporto profondo con Lecco, e nella storia questo legame emerge. "Il libro è ambientato principalmente in città, che frequento da sempre per lavoro (al Politecnico, ndr). Sono originario della Brianza e ora vivo a Rogeno, ma ho giocato vent'anni nel Rugby Lecco, per il quale mi sono occupato anche della comunicazione".

Autori di riferimento? "Ho amato molto Patria di Aramburo, così come i libri a livello di indagine di Fabrizio Gatti. Per quanto riguarda nuove storie ne ho molte, ma la testa ora è concentrata su questo progetto".

La campagna di crowdfunding di Anche i figli son persone durerà 100 giorni. Al momento in cui scriviamo l'articolo ne restano 77 e mancano soltanto 33 copie al raggiungimento dell'obiettivo. Il libro costa 14 euro in versione cartacea e 6,99 in ebook.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La scrittura come cura per le ferite: l'esordio letterario di Andrea

LeccoToday è in caricamento