rotate-mobile
Notizie

"Apriamoci alla bellezza": in mostra 65 siti lecchesi di valore storico e culturale

Giornate di apertura straordinaria grazie ai Comuni soci di Lario Reti Holding e alle risorse di Fondazione Comunitaria del Lecchese

Da metà luglio a metà novembre, i siti coinvolti dalla seconda azione di sistema del bando relativo al fondo “Sviluppo del territorio provinciale Lecchese - Interventi in ambito storico, artistico e naturale” proporranno delle giornate di apertura straordinaria. Si tratta di 65 siti di interesse artistico e storico che comprendono sia chiese che musei, lungo un’ideale dorsale che dalla Brianza si estende fino alle Valli ed al Lago, passando per i Piani dei Resinelli e lungo il Sentiero del Viandante.

A redigere i progetti sono 15 enti del terzo settore, parrocchie e associazioni che singolarmente o in forma associata hanno partecipato al bando. I progetti sono stati finanziati con un contributo di 679.400 euro per il biennio 2022-2023. Il fondo “Sviluppo del territorio provinciale Lecchese - Interventi in ambito Storico Artistico e Naturale” ha un respiro ampio ed una prospettiva di lunga durata: siglato per volontà dei Comuni Soci di Lario Reti Holding con la Fondazione Comunitaria del Lecchese a fine 2019, ha un orizzonte quinquennale ed una consistente dotazione di 2.500.000 euro.

Un’alleanza tra cultura, sviluppo turistico e costruzione di comunità

“Apriamoci alla bellezza” è quindi un’iniziativa di sistema, che vuole sottolineare la matrice comune che ha ispirato in numerosi progetti di animazione territoriale e promozione della fruizione della cultura. Ciascun sito e ciascun ente coinvolto ha ideato il progetto di valorizzazione tenendo conto di due obiettivi: da un lato aumentare la possibilità della fruizione del bene attraverso aperture straordinarie, progetti coordinati, laboratori ed eventi; dall’altro contribuire a disseminare esperienze formative e prelavorative per i giovani coinvolti. 

Si salda così un’alleanza tra cultura, sviluppo turistico, costruzione di comunità ed animazione territoriale. Si assiste nel territorio lecchese al diffondersi di un modello che prevede una micro progettazione diffusa, realizzata all’interno una cornice comune: in questo caso un bando, che funge da volano e moltiplica gli effetti delle singole azioni. 

L'iniziativa va in scena per il secondo anno consecutivo e vedrà protagonisti una lunga serie di chiese, musei, sentieri, monumenti e location che spazieranno dalla Basilica di San Nicolò a Lecco alla Villa Bertarelli di Galbiate, dal Museo della Seta di Garlate al monastero di San Calocero a Civate, dal Museo del Beato Serafino Morazzone a Chiuso all'orto botancio di Valmadrera e tanti altri per un totale di 65 siti dislocati in 7 aree territoriali (più dettagli su www.discoverylecco.it)

Maria Grazia Nasazzi: "Valorizziamo il patrimonio artistico del territorio"

“Apriamoci alla bellezza ritorna sul territorio offrendo occasioni di incontro e di visite molto interessanti con modalità organizzative diverse proprio per rispondere alle domande del territorio stesso - dichiara Maria Grazia Nasazzi, Presidente della Fondazione Comunitaria del Lecchese - Questa iniziativa ormai collaudata ed esito di una collaborazione molto interessante con i comuni di Lario Reti Holding nasce proprio dal territorio ed esprime una molteplicità di interventi che variano da luogo a luogo valorizzando il ricchissimo patrimonio artistico del territorio lecchese".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Apriamoci alla bellezza": in mostra 65 siti lecchesi di valore storico e culturale

LeccoToday è in caricamento