menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cantù e Rizzi

Cantù e Rizzi

Riforma sanitaria: qual'è l'impatto sul nostro welfare

La sala Ticozzi di Lecco ha ospitato giovedì 27 Febbraio il convegno "Regole di sistema o elementi di riforma sanitaria", nel quale è stato approfondito il tema di come i cambiamenti avvenuti nella società possano influire sull'offerta sanitaria lombarda.

Alla conferenza hanno partecipato l'assessore regionale alla salute Mario Mantovani e quello alla famiglia, solidarietà sociale e volontariato Maria Cristina Cantù, insieme al direttore generale della salute in Lombardia Walter Bergamaschi e al direttore generale di famiglia, solidarietà sociale e volontariato, Giovanni Daverio. Fabio Rizzi, presidente della III commissione consiliare sanità e politiche sociali, completa il quadro delle personalità intervenute direttamente dalla Regione. A questi personaggi si affiancano i direttori ASL di Lecco, Enzo Lucchini, Antonio Gattinoni e Massimo Giupponi.

In apertura vengono dichiarati gli obiettivi delle nuove regole di sistema. Bisogna comprendere che la domanda sanitaria è in continuo aumento, dato l'alzarsi dell'aspettativa di vita, mentre le risorse atte a soddisfarla sono diminuite. Le nuove disposizioni, integrando le ASL in un sistema Regione-Territorio che le renda non più mere esecutrici, ma protagoniste nei nuovi processi sanitari, mirano a creare un sistema che riesca ad essere flessibile, efficiente ed appropriato.

Un particolare occhio di riguardo va  ai malati connotati da cronicità, per i quali è necessario mettere a disposizione un regime che consenta alle famiglie di interagire con il sistema sanitario in maniera proficua. E' un fatto che in Lombardia il 30% della popolazione assorba il 70% delle risorse a disposizione per la sanità.
L'intervento di Cantù fa leva in particolare sull'esigenza di ottimizzare i criteri di efficienza, lodando l'ospedale di Lecco per le borse di studio stanziate per i dipendenti meritevoli, insieme a quelli di pragmaticità. “No alle proposte e alle azioni che oltrepassino la linea del possibile”.
 

Gattinoni e Giupponi spiegano meglio gli obiettivi della performance declinati in sette punti. Lo scopo ad essi preposto è quelli di personalizzare l'erogazione dei servizi di sanità, rendendoli nel contempo qualitativamente superiori e meglio accessibili ai malati.

Bergamaschi si concentra sulle due linee guida delle nuove regole, appropriatezza ed efficienza, particolarmente rilevanti dal punto di vista economico della gestione delle risorse.

Daverio spiega le differenze tra l'ambito puramente sanitario e quello socio-sanitario, prestando attenzione all'importanza sempre maggiore accordata al sistema ospedale-territorio.

Mantovani interviene nel finale, fornendo un importante sguardo d'insieme sulla questione della riforma coadiuvato da alcuni dati riguardanti in particolare la Provincia di Lecco.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento