«Gli assessori comunali hanno il privilegio del posto macchina?»

L'affondo di Cambia Calolzio: «L'Amministrazione dica chiaramente se riserva posti per sè quando invece i calolziesi non hanno parcheggi liberi in centro». La replica: «Soste veloci per tutti coloro che prestano servizio in municipio. Una critica inutile»

I posteggi "incriminati".

«A Calolzio ci sono assessori con il privilegio del posto macchina in centro. Noi non siamo d'accordo, ma almeno che lo dicano». L'affondo arriva dal gruppo civico di opposizione Cambia Calolzio che riapre così il dibattito sui posti auto in piazza Vittorio Veneto, puntando il dito contro una sorta di favoritismo di cui godrebbero i componenti dell'Amministrazione di centrodestra.

Colosimo: «Un affronto ai cittadini»

«Qualche settimana fa, dopo aver visto in prossimità dell’ingresso del municipio dei nuovi parcheggi riservati, il Gruppo Civico Cambia Calolzio ha presentato un’ interrogazione per chiedere chiarimenti al sindaco Marco Ghezzi - dichiara il consigliere comunale Diego Colosimo - Davvero curioso è stato vedere le strisce gialle senza trovare nessun cartello che ne indichi la tipologia di veicoli o utilizzatori autorizzati alla sosta. Il sindaco, rispondendo alla nostra interrogazione, ci ha informato che tali parcheggi sono utilizzati per i “fornitori o utenti del palazzo per soste brevi senza occupazione dei parcheggi esistenti”. Ci siamo posti molte domande sul significato della parola “utenti” senza riuscirne a comprendere il significato. Il sospetto è che, dietro a questo gioco di parole, si nasconda la volontà non dichiarata di riservare tali stalli all’utilizzo degli amministratori».

Ad Abbadia spiagge full, ancora in tantissimi alle pozze di Erve

Un'ipotesi che non piace per nulla alla forza di opposizione. «Confidiamo non sia così perché si tratterebbe di un affronto ai cittadini che sono costretti a fare i conti con l’annoso problema di trovare un posteggio non a pagamento nella zona centralissima del paese - incalza il consigliere Colosimo - Da anni stiamo chiedendo di ridurre drasticamente i posteggi a pagamento per sostituirli con zone a disco orario, non solo per ridurre i costi a carico dei cittadini onesti che già pagano amare tasse comunali, ma anche per non penalizzare i pochi negozi rimasti ancora aperti».

Il Gruppo Civico Cambia Calolzio chiede quindi al sindaco di: «Rassicurare i cittadini che in nessuno modo verranno concessi privilegi. Dopotutto fare due passi a piedi è di gran lunga salutare, ma soprattutto si ha modo di incontrare i cittadini e si evita la produzione di inquinanti dagli scarichi dei propri veicoli».

Il sindaco Marco Ghezzi: «Non sono posti riservati»

Il sindaco respinge ogni accusa precisando innanzitutto che non ci sono favoritismi e che si tratta di due stalli a disposizione di chi è chiamato a svolgere compiti di vario genere in municipio, non solo componenti della Giunta, ma anche funzionari, dipendenti o postini. 

«Nessun privilegio, solo la scelta di destinare un piccolo spiazzo per soste veloci a chi opera in Comune, in un'area tra l'altro che andava regolamentata perchè ogni tanto vi sostavano persone non autorizzate con il rischio di disagi per chi manovra - spiega Marco Ghezzi - Non sono stalli riservati ai membri della Giunta, ma semplicemente posti per soste veloci a disposizione di chi si reca in municipio, anche lavoratori piuttosto che corrieri impegnati nella consegna di materiali. Certo, può capitare che si fermino anche gli assessori, visto che i nostri sono molto operativi e capita di frequente che si rechino in comune per compiti di interesse pubblico. Tra l'altro in questo modo abbiamo "liberato" due posti auto all'ingresso del municipio. Da parte di Colosimo e di Cambia Calolzio un altro attacco infondato e strumentale. Se i problemi sono questi non c'è proprio di che preoccuparsi. Colgo l'occasione per ricordare - aggiunge il primo cittadino  - che di recente abbiamo inoltre regolamentato con appositi cartelli anche l'ingresso nella parte bassa di piazza Vittorio Veneto dove possono posteggiare persone con disabilità, oppure entrare veicoli per il carico e scarico di materiali».

Ormai terminata la riqualifica del locale sotto piazza Vittorio Veneto: ipotesi sede Pro loco o sala espositiva

Altri esponenti dell'Amministrazione calolziese hanno voluto poi ricordare infine che in centro città i posteggi non mancano, oltre a quelli con sosta veloce all'ingresso del municipio, ci sono gli stalli nel sottopiazza e nelle vie limitrofe con il primo quarto d'ora gratuito e il sabato libero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Oggiono: incidente in via per Molteno, giovane finisce in ospedale in gravi condizioni

  • Nuovo Dpcm: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Coronavirus, il punto: oltre cento tamponi positivi, nel Lecchese superata quota quattromila. "Manzoni": tre posti liberi nei reparti

  • Ordinanza regionale sotto accusa, Gattinoni: «Ci era stata consegnata una bozza diversa per la Dad»

  • Coronavirus, il punto: oggi 96 nuovi casi nel Lecchese, oltre 35.000 tamponi in Lombardia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento