rotate-mobile
Martedì, 21 Marzo 2023
Notizie Germanedo / Via dell'Eremo, 9-11

La cattedra di Medicina e cure palliative negli ospedali lecchesi

Il Manzoni di Lecco e il Mandic di Merate diventano sedi della scuola di specializzazione di Medicina e Cure palliative dell'Università degli studi di Milano-Bicocca. Gianlorenzo Scaccabarozzi Professore straordinario

Gli ospedali di Lecco diventano sede della cattedra e della scuola di specializzazione di Medicina e Cure palliative dell'Università degli studi di Milano-Bicocca.

Avrà sede presso l'Asst di Lecco - nelle sedi dei presidi ospedalieri 'Alessandro Manzoni' di Lecco e 'San Leopoldo Mandic 'di Merate - la cattedra e la Scuola di Specializzazione in Medicina e Cure Palliative del Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca.

A Gianlorenzo Scaccabarozzi, già direttore del Dipartimento Fragilità - Rete Locale Cure Palliative dell'Azienda Socio-Sanitaria Territoriale lecchese, la nomina di Professore straordinario per la direzione, responsabilità e gestione del "Progetto speciale di medicina e cure palliative - finalizzato alla integrazione delle attività assistenziali, didattiche e di ricerca" che nasce e si avvale del supporto offerto da Fondazione Floriani.

La scelta della nuova sede presso l'Asst di Lecco è dovuta alla considerevole attività svolta nell'ambito del Dipartimento della Fragilità e dello sviluppo, nel corso degli anni, delle Reti Locali di Cure Palliative, della Terapia del dolore e dei Servizi di continuità clinica e assistenziale a lungo termine.

Il "Difra", un modello all'avanguardia

La capacità di rispondere ai bisogni dei malati attraverso un approccio multiprofessionale, il forte investimento tecnologico e l'attenzione costante all'umanizzazione dei processi di cura fanno del 'Difra' un modello all'avanguardia, capace di rispondere alla crescente domanda generata dalle transizioni epidemiologiche, demografiche e sociali in atto nei Paesi Occidentali. Le caratteristiche di eccellenza clinica, integrazione sistematica delle attività di cura e di ricerca, insieme alla capacità di innovare l'organizzazione ponendo malato e famigliari al centro del sistema di cure hanno portato il Difra, guidato dal professor Gianlorenzo Scaccabarozzi, a essere punto di riferimento a livello regionale e nazionale anche nell'innovazione delle politiche e della normativa sanitaria e sociosanitaria.

L'introduzione della disciplina di Medicina e Cure Palliative nei Corsi di Laurea in Medicina e Chirurgia e di altre professioni sanitarie, nelle Scuole di Specializzazione, nei Master Universitari e attraverso la nuova Scuola di Specializzazione in Medicina e Cure Palliative risponde contemporaneamente a due esigenze. Da un lato, contribuisce a colmare il vuoto formativo nella cultura scientifico-professionale di tutti i professionisti che, a diverso titolo, concorrono alla cura dei pazienti fragili che si trovano in condizioni di cronicità complessa e avanzata e dei loro familiari. Dall'altro lato, pone le basi per lo sviluppo di servizi di cura nel contesto delle Reti Locali di Cure Palliative in ambiti attualmente privi di un'offerta pubblica strutturata di cure palliative, sia a livello ospedaliero che territoriale.

Favini: "Nuovo paradigma di cura"

"Le cure palliative per questi malati richiedono approcci multiprofessionali e interdisciplinari e un'attenzione costante non solo rivolta ai bisogni fisici, ma anche psicologici e sociali dei malati e dei loro familiari, concretizzandosi in una relazione di cura capace di favorire la condivisione del Piano Assistenziale Individuale (Pai) - spiega Paolo Favini, direttore generale Asst Lecco - Si delinea così un nuovo paradigma di cura, capace di garantire una risposta positiva a questi nuovi bisogni, agendo in modo coordinato e integrato, assicurando la necessaria continuità assistenziale tra professionisti e tra setting di cura. È per me un grande onore oggi dare inizio a questo nuovo progetto accademico con l'istituzione qui a Lecco della cattedra e della Scuola di Specializzazione in Medicina e Cure Palliative che porterà studenti specializzandi e si inserisce sulla concretezza di una delle più importanti reti di Cure Palliative della Lombardia che comprende anche, come ultima attività, un hospice intraospedaliero. È un grande riconoscimento che l'Università degli Studi di Milano-Bicocca rivolge al lavoro del Difra, della Rete Cure Palliative e dell'Asst di Lecco al servizio di tutto il territorio della provincia lecchese e dell'Ats Brianza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La cattedra di Medicina e cure palliative negli ospedali lecchesi

LeccoToday è in caricamento