rotate-mobile
Il riconoscimento / Brianza / Via Luciano Manara, 13

Attenzione costante alla lettura: il Comune di Barzanò insignito del titolo di "Città che legge"

Dal bookcrossing a presentazioni di libri in bilioteca e all'omaggio di un volume a ogni neonato, l'ente porta avanti da anni una politica di sostegno della lettura. Il sindaco: "Importante riconoscimento al nostro lavoro"

Il Comune di Barzanò ha ottenuto la qualifica di "Città che legge". Si tratta di un prestigioso riconoscimento per il comune brianzolo, il 17° più popoloso nella nostra provincia con i suoi quasi 5mila abitanti.

Questa etichetta viene riconosciuta dal Centro per il libro e la lettura Cepell, organismo del Ministero per la Cultura, alle città italiane che attuano, sul proprio territorio, politiche pubbliche di promozione della lettura, come valore riconosciuto e condiviso, e che sono in possesso di specifici requisiti.

Una Città che legge garantisce ai suoi abitanti l'accesso ai libri e alla lettura attraverso biblioteche e librerie, ospita rassegne o fiere e partecipa a iniziative di promozione della lettura tra diverse istituzioni. Barzanò è il quarto Comune in provincia di Lecco a ottenere questa qualifica, oltre a Casatenovo, Merate e Oggiono, su un totale di 718 in tutta Italia. "È un importante riconoscimento a quanto fatto - spiega il sindaco Gualtiero Chiricò - e uno stimolo per proseguire nella promozione di iniziative culturali legate alla lettura, per favorire lo sviluppo intellettuale e sociale della nostra comunità. Grazie a tutti coloro che si occupano di accrescere l'interesse per la lettura: privati cittadini, volontari, associazioni".

Il Patto locale per la lettura

Premessa necessaria a ottenere la qualifica è stata la sottoscrizione del Patto locale per la lettura, promosso dall'assessorato alla Cultura con la Commissione Biblioteca, che coinvolge scuole, associazioni e altri interlocutori del territorio, uniti in un progetto comune: la valorizzazione della lettura e del libro.

Capofila è il Comune, che ha approvato il documento - con delibera del 12 luglio scorso - sottoscritto con i seguenti firmatari: Associazione Molo Odv, Associazione Culturale La passione per il delitto, Biblioteca di Barzanò, Centro di Promozione Sociale Barzanese Aps, Fondazione Don Giuliano Sala / Liceo Parini / Open University, Istituto Comprensivo di Barzanò / Scuola primaria e secondaria di primo grado, La Grande Casa onlus, Libreria Peregolibri.

Il Comune di Barzanò da anni porta avanti una politica di sostegno della lettura, con diversi strumenti e iniziative: alcuni esempi sono la presenza di due postazioni di bookcrossing, entrate a far parte della Rete Italiana per lo scambio di libri, che saranno incrementate già dal prossimo anno, o le attività dell'Associazione Molo, che gestisce il Caffè Letterario e organizza presentazioni di libri in biblioteca. Inoltre il sindaco regala un libro a ogni nuovo nato come gesto di benvenuto, e ogni domenica le pagine social del Comune di Barzanò - Facebook, Instagram e Twitter - dedicano uno spazio ai consigli di lettura.

I libri, i loro autori e il mondo editoriale sono inoltre al centro di alcuni importanti progetti della Commissione Cultura programmati a partire dal prossimo anno, che coinvolgeranno anche i firmatari del Patto per la lettura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attenzione costante alla lettura: il Comune di Barzanò insignito del titolo di "Città che legge"

LeccoToday è in caricamento