menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Boom di iscrizioni a Lecco al corso per guardia venatoria

Lezioni al via sabato: 50 iscrizioni, oltre il limite di 40. «Momento formativo utile per la conoscenza della materia venatoria e ambientale»

Boom di adesioni al corso per guardie venatorie nel Lecchese. Sabato 16 novembre dalle 9.00 alle 12.30, nella sede del Parco Monte Barro a Villa Bertarelli di Galbiate, si terrà la prima lezione del corso gratuito di formazione per aspiranti guardie volontarie in materia venatoria, organizzato dalla Provincia di Lecco.

Il corso ha riscosso un grande successo di adesioni, con 50 iscrizioni, oltre il limite massimo fissato a 40; la Provincia di Lecco ha deciso di accettare tutte le iscrizioni in quanto si tratta di un momento formativo utile per la conoscenza della materia venatoria e ambientale.

Da tutta la Lombardia

Alcuni iscritti arrivano da altre province, come Monza e Brianza, Milano, Como, Mantova, in quanto nessun'altra provincia al momento sta organizzando corsi di questo tipo per l’abilitazione a guardia venatoria volontaria.

L'organizzazione del corso non ha costi per la Provincia di Lecco, grazie all'utilizzo di risorse professionali interne al nucleo faunistico Corpo di Polizia provinciale o disponibili a rendere la prestazione di docenza a titolo gratuito.

In provincia di Lecco 217 cinghiali abbattuti da inizio anno

Il corso è articolato in 8 lezioni: dopo la prima a Galbiate, le altre si terranno nella sala del Consiglio della Provincia di Lecco, secondo il calendario previsto. 

Al termine del corso le nuove guardie venatorie volontarie saranno coinvolte e autorizzate a intervenire nel prelievo selettivo sotto il coordinamento della Polizia provinciale e impiegate in alcune fasi dell’attività di recupero, soccorso e trasporto della fauna selvatica ferita o in difficoltà.

Usuelli: «Formazione in un campo in continua evoluzione»

«Siamo particolarmente soddisfatti per l'elevata adesione a questo corso - commentano il presidente della Provincia di Lecco Claudio Usuelli e il consigliere provinciale delegato alla Polizia provinciale Matteo Manzoni - anche da altre province, come la lontana Mantova, segno dell'elevata qualità dell'iniziativa, che vuole dare un’adeguata e omogenea formazione in un campo sempre in continua evoluzione normativa e procedurale. Le nuove guardie venatorie volontarie, insieme alle associazioni operanti in materia, potranno collaborare con la Provincia di Lecco per un efficace sistema di vigilanza, controllo e supporto gestionale. La Provincia di Lecco è molto attenta a queste tematiche, per rispondere alle esigenze e alle richieste del territorio, dei sindaci e dei cittadini, svolgendo il proprio ruolo fondamentale di Casa dei Comuni».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Attualità

Quando farò il vaccino? Il sito che calcola quanto dovrai aspettare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento