Lunedì, 17 Maggio 2021
Notizie Via Attilio Galli

Una borsa di studio per i futuri artisti della Valle San Martino

L'iniziativa è stata promossa da Remigio Morelli e Nicolò Tomaini anche grazie a una raccolta fondi. «Le professioni artistico culturali sono messe a dura prova dal Coronavirus, giusto sostenerle ancora di più»

Il coiffeaur, e artista, olginatese Remigio Morelli.

Una borsa di studio per i futuri artisti della valle San Martino accompagnano la riapertura della "Casa di Competenze". Il servizio di Informagiovani di Workstation è stato infatti riattivato nei giorni scorsi presso villa De' Ponti in via Galli a Calolzio dove si trovano alcuni uffici della Comunità montana Lario orientale Valle San Martino.

Nell'occasione l'assessore alla Politiche giovanile dell'ente, Marina Calegari, ha illustrato l'iniziativa che guarda ai ragazzi, al loro desiderio di esprimersi e alla cultura. Valori aggiunti per una società e un territorio che non devono venire meno neppure in questo delicato periodo oscurato dalla pandemia. La borsa di studio potrà premiare due persone.

Calolzio, un servizio di Informagiovani a Villa De' Ponti

«Il progetto nasce per appoggiare, valorizzare e favorire i giovani che vogliano intraprendere studi universitari o specialistici nell’ambito delle arti figurative e prevede l’attribuzione di due borse di studio, del valore unitario di 1400 euro, a sostegno della formazione artistica di ragazzi ingegnosi e talentuosi - spiega Marina Calegari - Tra i requisiti principali per accedere al bando, la residenza negli otto comuni della Valle San Martino, l’età compresa tra i 17 e i 29 anni e la futura iscrizione a un corso nel campo delle arti figurative. Come suggerisce il nome, la borsa di studio nasce dall’idea di Remigio Morelli, cittadino garlatese appassionato d’arte (nonchè noto coiffeaur ndr) e Nicolò Tomaini, giovane affermato artista locale, ed una raccolta di fondi che ha coinvolto in modo particolare i cittadini olginatesi».

In accordo con la Comunità montana Lario orientale Valle San Martino e la Cooperativa Spazio Giovani, Morelli e Tomaini hanno partecipato alla progettazione e al lancio dell’iniziativa, all’interno del progetto "Prendiamoci cura di noi" del polo territoriale Valle San Martino (finanziato dalla Fondazione comunitaria Lecchese). «Senza dubbio la Borsa di studio Arte San Martino Morelli Remigio e Nicolò Tomaini rappresenta un intervento importante per il territorio in particolar modo in questo periodo in cui le professioni artistico culturali sono messe a dura prova a causa del Coronavirus - aggiunge l'assessore - Intende infatti dar voce alla creatività valorizzando le capacità e le inclinazioni dei giovani e aprire in loro nuovi mondi e prospettive».

I contatti per partecipare al bando

Il bando con tutte le informazioni e i requisiti di partecipazione è reperibile sul sito www.workstationsite.wordpress.com nella sezione “Borsa di studio”, sul profilo Instagram @workstation_wkst e sulla pagina Facebook Workstation C.M. Lario orientale e Valle San Martino. Per indicazioni e candidature è possibile rivolgersi alla Casa delle Competenze - Informagiovani, tramite la mail workstation@comunitamontana.it e il numero 350 5735025. Le candidature devono essere inviate entro il 30 novembre 2020.

«In linea con questa visione, la riapertura di Casa delle Competenze è una scelta di campo a favore degli adolescenti e di tutte le opportunità di lavoro, di formazione, di vita in loro credono e investono». Il servizo di Informagiovani è aperta ogni martedì dalle ore 15 alle 17.30, su appuntamento, presso la Villa de Ponti di Calolziocorte in via Mazzini 15/ang. via Galli 48.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una borsa di studio per i futuri artisti della Valle San Martino

LeccoToday è in caricamento